26 Settembre 2021
Circular economy Risorse e rifiuti Sostenibilità

Plastica circolare: l’Alleanza europea (CPA) ha definito la sua Agenda

L’Alleanza per la plastica circolare lanciata dalla Commissione UE per fare incrociare domanda e offerta di materie plastiche riciclate nell’ambito della Strategia per l’economia circolare ha presentato il Piano di lavoro, la Relazione sulla raccolta e la cernita dei rifiuti di plastiche nell’UE e il Programma di R&S per la plastica circolare.  

Il 10 novembre 2020, l’Alleanza per la Plastica Circolare (CPA), una piattaforma multistakeholder volontaria che riunisce 245 soggetti pubblici e privati che coprono le intere catene del valore della plastica, ha fornito le prime azioni volte a raggiungere il suo obiettivo di 10 milioni di tonnellate di plastica riciclata utilizzata nei prodotti entro il 2025.

La Commissione UE aveva lanciato la Circular Plastics Alliance (CPA) con l’obiettivo di far incrociare domanda e offerta di materie plastiche riciclate nell’ambito della Strategia per l’economia circolare, dopo aver appurato che gli impegni assunti dai fornitori di plastica riciclata erano sufficienti a raggiungere e addirittura a superare l’obiettivo di 10 milioni di tonnellate di plastica riciclata utilizzata in Europa entro il 2025.

Gli impegni assunti dagli utilizzatori di plastica riciclata (come i trasformatori e i fabbricanti di materie plastiche) non erano tuttavia sufficienti ed è stato necessario intervenire per colmare il divario tra domanda e offerta.

Per realizzare l’economia circolare della plastica, abbiamo bisogno di azioni concertate che coinvolgano tutti i protagonisti della catena del valore – ha affermatoIl Commissario UE per il Mercato interno, Thierry Breton – Nonostante l’impatto del coronavirus, in particolare sui gestori del riciclaggio e sui trasformatori di materie plastiche, sussiste un evidente interesse commerciale. Mi congratulo con l’Alleanza per la plastica circolare per l’impegno e il grande lavoro svolto per raggiungere l’obiettivo dei 10 milioni di tonnellate“.

Le azioni comprendono:
– un Piano di lavoro sulla progettazione dei prodotti di plastica per il riciclaggio, che elenca 19 prodotti di plastica che la CPA renderà più riciclabili:
– una Relazione sulla raccolta e la cernita dei rifiuti di plastica nell’UE, suddivisi per settori (Agricoltura, Imballaggi, Costruzioni, Automotive, Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche);
– un Programma di Ricerca e Sviluppo per la plastica circolare .

Se tutti i rifiuti di plastica generati dai 19 prodotti di plastica elencati nel Piano di lavoro fossero raccolti per il riciclaggio, questo da solo sarebbe sufficiente per raggiungere l’obiettivo di 10 milioni di tonnellate. La CPA osserva, tuttavia, che solo la metà di questi rifiuti viene raccolta attualmente e ancor meno viene riciclata. Per risolvere questo problema, la CPA:
– aggiungerà ulteriori prodotti in plastica ai 19 dell’elenco all’inizio del 2021;
– pubblicherà, sempre all’inizio del prossimo anno, un rapporto che indaghi su come aumentare la raccolta, la cernita e il riciclaggio dei rifiuti di plastica in Europa ed esamini gli investimenti necessari.

La Relazione sulla situazione attuale di raccolta dei rifiuti di platica mostra che i 5 settori industriali che hanno aderito alla CPA rappresentano oltre il 70% di tutti i rifiuti di plastica raccolti in Europa ogni anno (cioè 21 milioni di tonnellate), di cui il 44% (9,2 milioni di tonnellate) viene smistato per il riciclaggio e inviato ai riciclatori, portando a 5,2 milioni di tonnellate di plastica riciclata prodotta in Europa. La Relazione analizza le sfide che debbono essere affrontate per aumentare la raccolta e la cernita dei rifiuti di plastica, e sottolinea, inoltre, la necessità di migliorare i dati sui rifiuti di plastica raccolti in Europa, istituendo un sistema di monitoraggio nel 2021 per aiutare a tracciare i flussi di materie plastiche in Europa e invitando le autorità nazionali in Europa a contribuire a migliorare i dati sui rifiuti raccolti.

Il Programma di Ricerca & Sviluppo per la plastica circolare descrive le 7 “esigenze strategiche di R&S”, comuni ai 5 settori industriali rappresentati nella CPA:
Riciclaggio chimico e fisico;
Stabilità di riciclaggio della catena polimerica;
Controllo di qualità e coerenza del riciclato;
Sviluppare e standardizzare metodi di tracciabilità;
Miglioramento delle proprietà del materiale riciclato;
Una migliorare separazione delle differenti plastiche;
Rilevare e separare le sostanze nei rifiuti.

Sono indicate anche una serie di “esigenze specifiche di R&S” (per uno o due settori industriali). Nella relazione prevista all’inizio del 2021, i firmatari I dell’Alleanza amplieranno la descrizione delle esigenze di R&S e riferiranno sulle relative attività svolte. 

La Commissione UE fa molto affidamento sull’attività della CPA, i cui risultati e conclusioni serviranno per adottare disposizioni vincolanti relative al contenuto riciclato e misure per la riduzione dei rifiuti per prodotti fondamentali quali gli imballaggi, i materiali da costruzione e i veicoli, come indicato nel nuovo Piano d’azione per l’economica circolare, in cui la risoluzione dei problemi di sostenibilità della plastica assume un rilievo particolare.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.