26 Settembre 2021
Circular economy Sostenibilità

EMF: 5 obiettivi politici universali per scalare l’economia circolare

La Ellen MacArthur Foundation (EMF), con la collaborazione della sua rete globale di stakeholder ha delineato 5 obiettivi politici universali per aiutare Governi e Imprese a muoversi verso un’economia circolare, offrendo soluzioni alle principali sfide globali come i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità e l’inquinamento.

Per consentire a Governi e Imprese di beneficiare dell’economia circolare in grado di offrire soluzioni alle principali sfide globali come i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità e gli inquinamenti, e al contempo permettere lo sviluppo economico, la Fondazione Ellen MacArthur (EMF) ha pubblicato, con la collaborazione della sua rete di imprese e responsabili politici, l’ultimo reportUniversal Circular Economy Policy Goals. Enabling the transition to scale” (Obiettivi politici globali dell’economia circolare. Consentire la transizione a livello di scala), con l’obiettivo di indicare una comune direzione di viaggio verso la transizione, nel momento in cui per uscire dalla crisi indotta da Covid-19 sii deve perseguire una ripresa resiliente a futuri shock.

Abbiamo visto un rapido aumento del riconoscimento in tutto il mondo che l’economia circolare è fondamentale per soddisfare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, affrontare i cambiamenti climatici e dar vita ad una crescita più solida – ha affermato Jocelyn Blériot, Executive officer e capo di Istituzioni, Governi e Città della EMF – Per cogliere queste opportunità e scalare rapidamente, ora è fondamentale promuovere una maggiore uniformità. Abbiamo creato obiettivi politici universali di economia circolare per supportare tale allineamento, stabilendo una chiara direzione che può aiutare i governi e il settore privato a costruire riprese economiche sane e resilienti”.

Sono 5 gli obiettivi universali.
1. Stimolare il design per l’economia circolare.
La progettazione, la produzione e l’utilizzo di ogni prodotto, da quelli di più immediato consumo a quelli più duraturi, dovranno eliminare sprechi e inquinamenti.
Esempi di politiche
– Implementare la progettazione di alta qualità per merci e imballaggi, con particolare attenzione a durata, riutilizzabilità, riparabilità, rigenerazione, riciclabilità e compostabilità.
– Condividere informazioni e monitoraggio dei flussi di materiali tramite etichette e passaporti digitali per i materiali dei prodotti.
– Incoraggiare la produzione rigenerativa che restituisca al Pianeta quel che viene prelevato, attraverso la progettazione di prodotti, pratiche di approvvigionamento, nonché di politiche agricole   e di uso dei suoli.

2. Gestire le risorse per preservarne il valore.
Promuovere modelli di business e sistemi di gestione delle risorse che mantengano prodotti e materiali nell’economia al più alto valore possibile. Tale obiettivo viene raggiunto tramite gli obiettivi e i principi definiti al punto precedente.
Esempi di politiche
– Implementare politiche fiscali e di approvvigionamento che promuovano la riparazione, la condivisione, il riuso e la rigenerazione per massimizzare l’efficienza nell’uso delle risorse e dell’energia impiegata.
– Rivedere e armonizzare le classificazioni e le definizioni di rifiuto per passare al concetto di risorsa (End of Waste) nella legislazione.
– Rafforzare i cicli delle risorse attraverso le politiche di responsabilità estesa del produttore (EPR) e i sistemi di depositi su cauzione (DRS) per sostenere il riutilizzo e il riciclo.

3. Far funzionare l’economia.
Creare incentivi economici e definire requisiti normativi che consentano alle soluzioni di economia circolare di diventare la norma piuttosto che l’eccezione, sbloccando così vantaggi su larga scala.
Esempi di politiche
– Allineare la tassazione e gli incentivi tariffari, come l’EPR, ai risultati di economia circolare.
– Riformare e, se del caso, introdurre sussidi.
Integrare i princìpi di economia circolare nelle politiche commerciali.

4. Investire in innovazione, infrastrutture e competenze.
Investire denaro pubblico e stimolare gli investimenti del settore privato per sviluppare le competenze necessarie per creare le opportunità dell’economia globale dal modello lineare a quello circolare. Ciò garantirà una transizione inclusiva, sostenendo l’innovazione e sviluppando le infrastrutture necessarie per scalare la transizione.
Esempi di politiche
– Fornire fondi per la ricerca interdisciplinare.
– Sostenere finanziariamente soluzioni pubblico-private per le infrastrutture fisiche e digitali, e per l’innovazione.
– Integrare l’economia circolare nei programmi scolastici e nell’istruzione universitaria.

5. Collaborare per il cambiamento di sistema.
Promuovere una collaborazione pubblico-privata proattiva attraverso le catene del valore per rimuovere gli ostacoli, sviluppare nuove politiche e allineare quelle esistenti. Lavorare a livello di dipartimenti governativi nazionali ed internazionali per l’allineamento delle politiche e dei cambiamenti a lungo termine. Misurare i progressi verso l’integrazione di un approccio all’economia circolare in tutti i settori.
Esempi di politiche
– Promuovere la creazione e l’adozione di meccanismi di lavoro multi-stakeholder, trasversali alla catena del valore, inclusivi e reattivi per sviluppare soluzioni di sistema e per costruire capacità pubblico-private.
– Integrare i principi dell’economia circolare nelle politiche nazionali e internazionali e costruire politiche transfrontaliere.
– Accelerare il progresso attraverso la misurazione e l’uso dei dati.

EMF sollecita imprese e responsabili politici a tutti i livelli a collaborare e ad allinearsi con questi cinque obiettivi come base per una transizione a livello sociale verso un’economia circolare. L’adozione globale potrebbe catalizzare l’innovazione del settore privato e lo sviluppo di soluzioni che possono essere implementate e ridimensionate rapidamente in tutto il mondo.

La pubblicazione dei nuovi obiettivi politici della Fondazione Ellen MacArthur fornisce esattamente ciò di cui hanno bisogno i Governi per portare l’economia circolare dalla teoria alla pratica – ha aggiunto Steven N. Schonberger, Direttore per lo sviluppo sostenibile in Europa e Asia centrale della Banca Mondiale – Ho già constatato nel corso di colloqui con rappresentanti e stakeholder di vari Paesi come questi obiettivi siano considerati estremamente  utili per mettere l’economia circolare al centro della loro agenda per la ripresa post-Covid e la sostenibilità a lungo termine”.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.