5 Dicembre 2021
Agroalimentare Cibo e alimentazione Salute Territorio e paesaggio

Città Verdi: iniziativa FAO per la sicurezza alimentare delle aree urbane

Nel corso di un evento virtuale ad alto livello, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’Agricoltura ha lanciato Città Verdi, un’iniziativa volta a ridurre l’impatto della pandemia sulla sicurezza alimentare delle città, trasformare i sistemi alimentari e contribuire a mitigare i cambiamenti climatici.

In occasione della 75ma sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (15 – 30 settembre  2020), la FAO ha presentato il Piano di azione per le città verdi, una nuova iniziativa per aiutare a trasformare i sistemi agroalimentari, porre fine alla fame e migliorare la nutrizione nelle aree urbane e periurbane in un’era post Covid-19

Il lancio è avvenuto durante un evento virtuale di alto livello, dal titolo “Città verdi per ricostruire meglio per gli OSS – Una nuova potente impresa”, che ha avviato il dialogo con attori chiave a livello nazionale e internazionale, al fine di invitare città, donatori e partner a partecipare all’iniziativa.

Sottolineando il vasto potenziale delle città nel ridurre gli impatti della pandemia sulla salute e la sicurezza alimentare delle persone e di contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici, il Direttore Generale della FAO QU Dongyu ha incoraggiato tutti i partner ad apprezzare il ruolo essenziale delle città nel ricostruire meglio e l’urgenza di azioni innovative, globali e coordinate.

Affinché le città diventino molto più verdi, resilienti e rigenerative, dobbiamo ripensare il modo in cui le aree urbane e periurbane sono progettate e gestite -ha affermato QU – Con solo dieci anni che rimangono per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile abbiamo bisogno di cambiare radicalmente il modo di pensare e di rimodellare i nostri approcci aziendali“.

La Green Cities Initiative – ha aggiunto il Direttore generale della FAO – mira a galvanizzare i governi locali, non solo per produrre in modo sostenibile cibo sano, ma anche per contribuire alla gestione ecologica delle risorse idriche, all’uso sostenibile del suolo e all’espansione degli spazi verdi, inclusa la silvicoltura urbana, tenendo conto anche dei concreti guadagni di carattere economico e sociale che sono possono apportare”.

L’iniziativa Città Verdi mira a migliorare i mezzi di sussistenza e il benessere delle popolazioni urbane e periurbane in almeno 100 città (15 metropolitane, 40 intermedie e 45 piccole) di tutto il mondo nei prossimi tre anni, puntando ad avere al 2030 l’adesione di 1.000 città.

In particolare, l’iniziativa si concentra sul miglioramento dell’ambiente urbano, sul potenziamento dei collegamenti urbano-rurali e sulla resilienza dei sistemi urbani, dei servizi e delle popolazioni agli shock esterni. Garantendo l’accesso a un ambiente sano e a diete sane da sistemi alimentari sostenibili, l’iniziativa contribuirà anche alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici e alla gestione sostenibile delle risorse.

È prevista, inoltre, la creazione di una “Green Cities Network“, in cui città di tutte le dimensioni – dalle megalopoli a quelle medie e piccole – scambieranno esperienze su buone pratiche, successi e lezioni apprese, oltre a costruire opportunità di reciproca cooperazione.

La FAO rafforzerà il suo lavoro con le autorità locali e nazionali, i consigli comunali, i sindaci, il settore privato, le istituzioni accademiche e le organizzazioni internazionali e si impegnerà con le comunità urbane, in particolare con donne e giovani.

Perché è importante l’inverdimento urbano?
Il mondo sta diventando sempre più urbanizzato. Entro il 2050, quasi il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città, con il 90% dell’aumento che si verificherà in Africa e in Asia. Circa il 70% di tutte le scorte di cibo viene consumato dagli abitanti delle città, percentuale in costante aumento.

La crescita della popolazione e la rapida urbanizzazione implicano cambiamenti nella dieta alimentare e una crescente domanda di beni e servizi di base, nonché una crescente concorrenza per le risorse naturali per garantire l’accesso ad un’alimentazione sana per tutti. Le amministrazioni locali incontrano sempre maggiori difficoltà a soddisfare i bisogni delle popolazioni urbane e periurbane e la pandemia di Covid-19 ha aggiunto ulteriori difficoltà, come interruzioni dei sistemi alimentari, perdita di posti di lavoro e insicurezza alimentare, peggiorando le condizioni di vita, soprattutto dei più vulnerabili.

Di conseguenza, molte comunità urbane e periurbane sono ora più che mai esposte a insicurezza alimentare e nutrizionale, come pure a malattie non trasmissibili correlate all’alimentazione, nonché a tassi crescenti di sovrappeso e obesità.

Oggi le città consumano quasi l’80% dell’energia totale prodotta nel mondo. Sono responsabili del 70% dei rifiuti globali e rappresentano circa il 70% delle emissioni globali di gas serra correlate all’energia.

Il mantenimento di sistemi alimentari sostenibili e la disponibilità di più spazi verdi, comprese l’agricoltura e le foreste urbane e periurbane, sono essenziali per le città, rendendole più resilienti nell’affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici e del Covid-19, garantendo che le questioni relative alla salute non interrompano l’approvvigionamento e distribuzione del cibo in queste aree.

Nel corso dell’evento, oltre all’Iniziativa Città Verdi, sono stati presentati programmi e progetti che aumentano l’innovazione e accelerano l’azione, tra cui il Milan Urban Food Policy Pact che coinvolge i Sindaci di 205 città del mondo, il cui obiettivo è di condividere le conoscenze ed esperienze sui sistemi alimentari per la costruzione di città inclusive e davvero sostenibili, che è stato presentato in video-messaggio dal Sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

Il più grande pericolo per molti di noi – ha concluso QU, citando una frase di Michelangelonon sta nel fatto che i nostri obiettivi siano troppo elevati e quindi non riusciamo a raggiungerli, ma nel fatto che siano troppo bassi e che li si raggiunga“.


Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.