Malattie e cure Salute

Adolescenti sedentari: rischiano di triplicare le dimensioni del cuore

Uno Studio condotto nell’ambito di un Progetto di ricerca sugli effetti negativi sulla salute cardiaca di una vita poca attiva ha rilevato che gli adolescenti sedentari per una media di 8 ore giornaliere hanno una massa cardiaca tre volte in più rispetto a quelli che spendono una media 49 minuti di attività fisica al giorno, indicando un’attività fisica debba essere prioritaria per i teens.

L’insufficiente attività fisica e la sedentarietà degli adolescenti possono determinare un aumento delle dimensioni del cuore fino a più di tre volte rispetto ai coetanei che svolgono un’attività fisica da moderata a vigorosa.

È la conclusione dello StudioAssociations of accelerometer‐based sedentary time, light physical activity and moderate‐to‐vigorous physical activity with resting cardiac structure and function in adolescents according to sex, fat mass, lean mass, BMI, and hypertensive status”, pubblicato il 10 aprile 2023 sullo Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports e condotto in collaborazione tra le Università di Bristol e di Exeter (Regno Unito) e l’Università della Finlandia orientale (Kuopio), che ha indagato le correlazioni tra sedentarietà, attività fisica leggera, moderata e vigorosa, e la struttura e la funzione cardiaca.

Recenti rapporti e Linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) rilevano che oltre l’80% degli adolescenti in tutto il mondo ha un’attività fisica insufficiente al giorno. L’inattività fisica è stata associata a diverse malattie non trasmissibili negli adulti come malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e cancro. Nella popolazione pediatrica, la maggior parte degli studi sull’attività fisica si è concentrata sugli effetti dei comportamenti sedentari e di attività fisica sulla salute cardio-metabolica, compresa la pressione del sangue, l’insulino-resistenza, la concentrazione di lipidi nel sangue e l’indice di massa corporea (IMC). È stata lacunosa, invece, la conoscenza sugli effetti prodotti dalla sedentarietà e dall’attività fisica sulla struttura e funzione cardiaca nelle grandi popolazioni di adolescenti a causa della scarsità di dispositivi in grado di misurare il maggiore movimento e la valutazione ecocardiografica nella popolazione pediatrica. Una massa ventricolare sinistra maggiore che indica un cuore ingrossato o ipertrofico, e una ridotta funzione ventricolare sinistra che indica una minore funzionalità cardiaca, possono in combinazione o indipendentemente portare ad un aumento del rischio di insufficienza cardiaca, infarto del miocardio, ictus e morte cardiovascolare prematura.

Lo studio in questione ha utilizzato i dati dell’Avon Longitudinal Study of Parents and Children (ALSPAC), noto anche come Children of the 90s dell’Università di Bristol, che ha incluso 530 adolescenti di 17 anni che avevano misurazioni complete di grasso, massa muscolare, glucosio, lipidi, un marcatore di infiammazione, insulina, abitudine al fumo, stato socio-economico, storia familiare di malattie cardiovascolari, funzionalità cardiaca ecocardiografica e misure della struttura e misurazione basata sull’accelerometro del tempo sedentario, attività fisica leggera e attività fisica da moderata a vigorosa.

Dallo Studio è emerso che gli adolescenti hanno trascorso quasi 8 ore di inattività fisica al giorno e circa 49 minuti al giorno in attività fisica da moderata a vigorosa in questo nuovo studio. Si è osservato, inoltre, che sia tempo sedentario che l’attività fisica da moderata a vigorosa erano associati a una maggiore massa ventricolare sinistra. Tuttavia, l’aumento della massa cardiaca correlata all’inattività era tre volte superiore all’aumento della massa cardiaca associato ad attività fisica da moderata a intensa. Questo risultato è stato osservato negli adolescenti indipendentemente dal loro stato di obesità, cioè tra gli adolescenti che avevano un peso normale e quelli che erano in sovrappeso o obesi. Peraltro, l’attività fisica leggera non era associata ad un aumento della massa cardiaca, bensì ad una migliore funzione cardiaca stimata dalla funzione diastolica del ventricolo sinistro, che rallenta la frequenza cardiaca consentendo così ai ventricoli di riempirsi adeguatamente di sangue.

Una media di 8 ore di sedentarietà al giorno può aumentare la massa cardiaca di tre volte in più rispetto all’aumento della massa cardiaca correlato all’attività fisica da moderata a intensa di 49 minuti giornalieri. La riduzione del tempo sedentario dovrebbe essere prioritaria tra gli adolescenti. Credito immagine: Andrew Agbaje.

Questa nuova prova estende la nostra conoscenza degli effetti negativi del tempo sedentario sulla salute cardiaca – ha dichiarato Andrew Agbaje, medico ed epidemiologo clinico dell’Università della Finlandia orientale e ricercatore principale del Gruppo UndeRstanding FITness and Cardiometabolic Health In Little Darlings (urFIT-child) e autore dell’articolo – È noto tra gli adulti che un aumento di 5 g/m 2 della massa cardiaca può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e di morte del 7-20%. Impegnarsi in un’attività fisica da moderata a vigorosa provoca egualmente un leggero ingrossamento del cuore, ma sembra un ‘effetto collaterale negativo’ accettabile considerando i molti altri benefici per la salute determinati dall’esercizio fisico da moderato a vigoroso. Pertanto, gli esperti di sanità pubblica, i responsabili delle politiche sanitarie, gli amministratori e gli insegnanti delle scuole superiori, i pediatri e gli operatori sanitari sono sollecitati a facilitare la partecipazione degli adolescenti all’attività fisica per consentire un cuore sano“.

Articoli simili

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.