Caricamento...

Type to search

Condividi

Enorme successo ha ottenuto il convegno tenutosi presso la sala Marconi dell’autorità portuale oggi 12 ottobre, alle ore 9,00, per la tutela ambientale nei porti.

di Eleonora Giovannini

Tutela ambientale nei porti: a volere fortemente questo incontro, al quale hanno aderito i relatori Rodolfo Giampieri, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, e il Direttore Marittimo delle Marche Enrico Moretti, è stata la Fulmar, promotrice dei migliori interventi per la prevenzione dell’inquinamento delle acque e costante nella considerazione di attrezzature specifiche per la depurazione dai liquidi inquinanti rilasciati dalle navi.

Come Giampieri ha dichiarato, “fondamentale questa presentazione, perché rafforza una risposta ad eventuali problemi ecologici – sappiamo bene quanto l’ecologia e la sostenibilità siano elementi importanti nella competitività delle aziende – e di sensibilità nei confronti della comunità. Grande attenzione dunque sui fatti ambientali, con le opportunità offerte dalla tecnologia, da considerare come investimento essenziale. La Fulmar in questo senso sottolinea la sua contemporaneità come azienda, perché il porto di Ancona continui ad avere sempre più servizi d’avanguardia”.

Tra i presenti, interessante è stato l’intervento di Enrico Moretti, che ha manifestato ottimismo ponendo l’attenzione su un momento molto importante, poiché ”è stato presentato un sistema che ad Ancona mancava, ovvero il contenimento del prodotto di idrocarburo che normalmente viene sversato in mare, nonché la capacità di recupero dello stesso, nell’ambito di operazioni ad hoc. Un momento di crescita non solo in riferimento all’aumento delle navi, ma in merito alle offerte che il porto è in grado di offrire all’utenza, per la soluzione di tutte le criticità legate sia al porto che alla città”.

Anche Simona Giovagnoli, Segretario Generale Associazione Ansep Unitam, che ha mirabilmente partecipato come moderatrice durante la mattinata, ha dichiarato che “finalmente anche il porto di Ancona è dotato della possibilità di prevenire l’inquinamento, oltre alla possibilità di poter gestire nell’immediato situazioni di emergenza”.

Sergio De Iudicibus, Amministratore Delegato Navaltecnica Italia, ha manifestato un forte entusiasmo: “Intorno al tavolo, diversi soggetti operanti in aree diverse, hanno posto l’ attenzione sulla necessità di dotarsi di equipaggiamenti ad altissimo livello, dove gli attori interessati siano consapevoli della loro utilità.

La partecipazione è stata attiva da parte di tutti i presenti, tra i quali Stefano Marchione, Responsabile Commerciale Fulmar Barcaioli Ancona e Andrea Morandi, Presidente Federagenti Marche e Abruzzo.

 

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *