Un'Authority per i rifiuti

Un'Authority per i rifiuti

Nel corso del Convegno "Meno Rifiuti, Più Idee", Althesys ha presentato il 2° Rapporto WAS Strategy dedicato alla trasformazione dell'industria italiana del waste management, da cui emerge soprattutto l'aumento del recupero di materia e del compostaggio.
Ma alla crescita del settore si contrappone il ritardo di norme e politiche, sia in Europa che in Italia, dove ci sarebbe la necessità di costituire per i rifiuti un'Autorità indipendente, come avvenuto negli altri comparti dei servizi pubblici locali, che indirizzi, tra l'altro, verso l’implementazione su tutto il territorio nazionale di un sistema di tariffa puntuale che incentivi i cittadini a incrementare la raccolta differenziata, così da superare l’attuale sistema di tassazione sui rifiuti che permette la sopravvivenza di numerose realtà inefficienti, a danno degli utenti che pagano per un disservizio.

waste althesys rifiuti convegno

I rifiuti urbani aumentano, anche se di poco e nonostante la crisi; la raccolta differenziata è ferma a 20 punti percentuali sotto l’obiettivo di legge; diminuisce il ricorso alla discarica; aumentano il recupero di materia e il compostaggio: sono questi gli highlight che emergono dal 2° Rapporto Waste Strategy (WAS), presentato a Roma il 25 ottobre 2015 nel corso del Convegno "Meno Rifiuti, Più Idee".

Il Rapporto “La trasformazione dell'industria italiana del waste management. Strategie industriali e politiche nazionali per la gestione dei rifiuti urbani e speciali" è stato realizzato da Althesys, Società professionale indipendente, specializzata nella consulenza strategica e nella ricerca nei settori ambiente, energia, utilities, che fa parte, appunto, di WAS il think tank italiano che ha lo scopo di fornire una visione unitaria della filiera produzione e consumo della gestione dei rifiuti e del riciclo per proporre strategie d’impresa e politiche di sistema che integrino i diversi aspetti ambientali, sociali, industriali economici, normativi e tecnologici.

Se si riuscisse ad aumentare il circuito virtuoso della raccolta dell’umido fino a spingerlo da qui al 2020 a quota 72,5%, con gli scarti della cucina si potrebbe finalmente far partire la filiera del biometano. Anzi, si potrebbe innescare il più formidabile esempio di economia circolare: grazie a questo sforzo di raccolta dell’umido si potrebbero far marciare a biometano le nostre auto (in primis la flotta degli automezzi della nettezza urbana), riducendo le emissioni.

Uno scenario con importanti ricadute occupazionali ed economiche, un sostegno alla diminuzione della dipendenza dalle fonti fossili. Il rapporto Was indica infatti benefici valutabili, a livello economico, in oltre 1,3 miliardi di euro.

Oggi si raccoglie in maniera differenziata il 55% dei rifiuti organici che finiscono nel bidone della spazzatura, 5,7 milioni di tonnellate. L’80% circa (4,4 milioni di tonnellate) viene trasformato in compost, mentre alla produzione di biogas va meno di un decimo dell’organico intercettato, 450 mila tonnellate.

Il settore della gestione dei rifiuti urbani è dinamico, con 32 operazioni di finanza straordinaria nel 2014, per 1,2 miliardi di fatturato coinvolto. Althesys prospetta scenari di consolidamento del settore con una proiezione di quasi il 50% del settore in mano ai primi 20 operatori. Quindi aziende più grandi e robuste con maggiori economie di scala, efficienza e capacità di investire per migliorare il servizio ai cittadini.

Ma la vera sorpresa sono i rifiuti prodotti dalle aziende: la gestione dei cosiddetti “speciali” (una quantità circa quattro volte e mezzo quella degli urbani) funziona meglio di quanto non si creda. Nel 2013 il calo della produzione è avvenuto a un tasso superiore rispetto a quello del Pil e della produzione industriale. Di fatto, tra il 2008 e il 2013 il settore dei rifiuti speciali ha visto un incremento del recupero di materia di oltre il 10%: dal 61,3% al 71,9%.

Minore, rispetto agli urbani, il ricorso alla discarica e alle altre forme di smaltimento (25,5%), mentre è residuale il ruolo dell’incenerimento (2,6%). Insomma, ci si sta spostando verso l’economia circolare con un contributo importante all’economia e all’occupazione. Un comparto con un fatturato di oltre 14 miliardi di euro e oltre 1.300 aziende nel solo segmento del trattamento dei rifiuti.

"Ci sono possibilità di crescita importante del settore - ha affermato Alessandro Marangoni, Amministratore Delegato di Althesys, presentando il Rapporto - Ma su questo si registra un ritardo di norme e politiche: l’Unione Europea ripresenterà la direttiva sull’economia circolare solo alla fine del 2015, dopo un ripensamento durato un anno, mentre a livello italiano, il quadro normativo rimane troppo complesso e frammentato. Serve un’Autorità indipendente anche per i rifiuti, esattamente come avvenuto in altri comparti dei servizi pubblici locali - sottolinea Marangoni - l’istituzione di un regolatore indipendente può fornire la stabilità e la certezza delle regole di cui gli operatori necessitano, rilanciando gli investimenti e favorendo così l’industrializzazione del settore. L’Autorità, oltre ad avere competenze in materia di definizione degli schemi di gara per l’affidamento del servizio di igiene urbana dovrebbe definire costi e livelli di qualità standard, stabilire i criteri di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani e occuparsi della regolazione della capacità impiantistica un regolatore indipendente per fornire stabilità e certezza delle regole, definire schemi di gara per l’affidamento del servizio di igiene urbana e costi e livelli di qualità standard, stabilire i criteri di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani e occuparsi della regolazione della capacità impiantistica".

Un ulteriore ruolo per il nuovo soggetto, secondo Althesys, sarebe quello di indirizzo verso l’implementazione su tutto il territorio nazionale di un sistema di tariffa puntuale, che incentivi i cittadini a incrementare la raccolta differenziata, così da superare l’attuale sistema di tassazione sui rifiuti che permette la sopravvivenza di numerose realtà inefficienti, a danno degli utenti che pagano per un disservizio.

Commenta