Terra: Alimentazione, Agricoltura ed Ecosistema”

Terra: Alimentazione, Agricoltura ed Ecosistema”

Al via dal 19 Novembre la Settimana UNESCO di Educazione allo sviluppo Sostenibile.

madre-terra-alimentazione-agrigoltura-ed-ecosistema

In un appuntamento consolidato di crescita, consapevolezza e impegno, sia delle istituzioni che dei cittadini, dal 19 al 25 novembre si terrà la VII edizione della Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile, evento che si inquadra nell’ambito della Campagna mondiale proclamata dall’ONU “DESS - Decennio dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2005-2014”, allo scopo di diffondere valori, conoscenze e stili di vita orientati al rispetto dei beni comuni e delle risorse del Pianeta.

Dopo aver affrontato nei diversi anni grandi temi dello sviluppo sostenibile: Energia (2006); Cambiamenti Climatici (2007; Rifiuti (2008); Città e Cittadinanza (2009); Mobilità (2010); Acqua (2011); il tema scelto quest’anno dal Comitato Nazionale DESS è “Madre Terra: Alimentazione, Agricoltura ed Ecosistema”.

Da anni al centro dell’interesse e dell’impegno del sistema ONU e sempre più presente nel dibattito pubblico internazionale il tema ha una moltitudine di strette implicazioni con lo sviluppo sostenibile delle nostre società. I dati emersi da recenti incontri internazionali, dai Colloqui di Dobbiamo al Congresso Mondiale Slow Food, sono preoccupanti: risorse naturali e servizi ecosistemici strategici sono minacciati da uno sfruttamento eccessivo. L’inquinamento, la cementificazione, l’ampliamento continuo delle reti di comunicazione, il disboscamento, le minacce sulle risorse idriche, stanno causando, tra l’altro, un’erosione dei terreni fertili coltivabili. Inoltre, la pressione demografica in aumento grava sulla capacità portante del Pianeta. La progressiva diminuzione di suolo e terreno fertile, anche se le conseguenze più drammatiche del fenomeno si riversa sulle popolazioni e comunità locali dei Paesi meno sviluppati, non risparmia le aree delle regioni più sviluppate.

Quale contributo può provenire dalle politiche pubbliche, dal nostro impegno quotidiano come cittadini, dalle nostre forme di consumo, dalla ricerca e dall'innovazione nel settore agroalimentare?
Come possiamo immaginare insieme nuovi modelli di sviluppo che tengano presente le esigenze di sostenibilità del nostro territorio?

A queste ed altre domande cercheranno di rispondere quest’anno centinaia di realtà - istituzioni, scuole, associazioni, imprese, fondazioni, università - che, sotto l'egida e il coordinamento della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, daranno vita ad un ricco calendario di eventi in rete, i più diversi: convegni, laboratori, escursioni, mostre, giochi, spettacoli, dimostrazioni pratiche.
Saranno tanti anche i temi che verranno trattati e approfonditi: agricoltura, rispetto del territorio, biodiversità, salute, gestione delle risorse naturali, riduzione degli sprechi, diminuzione dell'impronta ecologica, modelli equi e sostenibili di produzione e consumo, filiera corta, chilometro zero, riduzione degli imballaggi, tradizioni ecc.

Commenta