A Smart Energy Expo di Verona i rappresentanti della community degli Stati Generali dell’efficienza energetica si sono confrontati in diretta su semplificazione normativa, sistemi di finanziabilità, comunicazione e formazione, sulla base dei risultati della Consultazione avviata dall’ENEA nel campo dell'efficienza energetica.

stati generali efficienza energetica

C’è un grande potenziale di efficienza energetica dietro ogni forma di consumo di energia: nelle abitazioni, negli uffici e nelle aziende, ma anche nel nostro modo di comunicare e di muoverci. Per migliorare l'efficienza energetica è necessario un coinvolgimento su larga scala degli operatori e dei cittadini.

A tal fine, l'Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) ha promosso, con il supporto di EfficiencyKNow, gli Stati Generali dell’Efficienza Energetica, una Consultazione pubblica a cui hanno partecipato enti pubblici e privati, associazioni, imprese e cittadini, che ha riguardato 9 principali settori economici (Agricoltura e industria alimentare; Tessile Legno e Carta; Apparecchiature elettriche ed elettroniche; Mobilità; Acqua, Energia e Rifiuti; Costruzioni; Sanità e Istruzione; Turismo; Condomìni), rispetto ai quali sono stati analizzati 5 aspetti strategici, che possono essere di stimolo o di barriera al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica:
- semplificazione del quadro normativo;
- sistemi di finanziabilità;

- comunicazione;

- formazione;

- strategie competitive e innovazione.


La Consultazione si è tenuta su due livelli:

- a livello internazionale, indirizzata alla filiera agroalimentare, allo scopo di sensibilizzare e coinvolgere il bacino di EXPO2015 sulle tematiche relative alla sostenibilità dell'efficienza energetica;

- a livello nazionale, rivolta alla filiera dell'efficienza energetica.

Per 5 mesi la community dell'efficienza energetica ha discusso all'interno del Forum, e gli esperti di settore (professionisti dell'efficienza energetica, aziende, associazioni, E.S.Co ed energymanager in prevalenza di PMI e organizzazioni che operano a livello internazionale) hanno risposto ai 9 questionari proposti, al fine di stimolare la creazione di una filiera dell'efficienza energetica basata su un efficace incontro tra la domanda e l'offerta di tecnologie e servizi.


I risultati hanno evidenziato questi principali trend:
- i contatti sono stati migliaia e alcune centinaia i contributi;
- le visite al sito da tutto il mondo;
- le risposte dei singoli professionisti sono state maggiori rispetto a chi ha dichiarato di rispondere a nome di un'organizzazione;

- tra le organizzazioni, hanno risposto in misura maggiore le PMI e le organizzazioni che operano a livello regionale;
- per le organizzazioni hanno fornito le risposte il top management dell'azienda e gli energy manager;

- tra i 9 cluster, ha ricevuto più risposte quello relativo ad "Acqua, Energia e Rifiuti".

distribuzione risposte 9 cluster

Per far decollare realmente il settore dell’efficienza energetica, è emerso che c'è bisogno di:

- una più ampia informazione a operatori e consumatori;

- un maggiore dialogo tra sistema creditizio, imprese e cittadini;

- più certezze sugli incentivi dedicati;
- modelli contrattuali innovativi per la fornitura di servizi energetici;

- incentivi legati all’effettivo risparmio di energia.
(Su questo aspetto vedi il nostro articolo "Ecobonus" per efficientamento e ristrutturazione degli edifici: perché non legarli ai salti di classe energetica?".

Fra le proposte più innovative della ‘community’ arrivate online:


- la diffusione di Internet of Things (IoT), la ‘rete delle cose’ nella quale gli oggetti diventano ‘intelligenti’ e in grado di comunicare fra di loro per ottimizzare i consumi di energia;

- il nuovo ruolo delle banche che si propongono di svolgere il ruolo di E.S.Co. per gestire l’intero processo dall’acquisto, alla riqualificazione energetica, alla vendita o locazione degli immobili;


- i condomini ‘green’, comunità attivamente impegnate sull’obiettivo comune del risparmio energetico.

Sulla base dei risultati della consultazione, a Verona nell'ambito di Smart Energy Expo, la prima Fiera internazionale dell’efficienza energetica (14-16 ottobre 2015), rappresentanti dei progetti selezionati hanno sfidato in diretta esperti e membri delle istituzioni sulla semplificazione normativa, i sistemi di finanziabilità, la comunicazione e la formazione nel campo dell'efficienza energetica e, allo stesso tempo, fornito spunti e stimoli partendo dalle loro esperienze.