Riciclo dei moduli fotovoltaici

Riciclo dei moduli fotovoltaici

Il GSE ha pubblicato l’elenco dei Sistemi/Consorzi per lo smaltimento dei moduli fotovoltaici ai quali dovranno aderire entro il 31 marzo 2013 i produttori. 

riciclo-pv

I Decreti interministeriali del 5 maggio 2011 (IV Conto Energia) e del 5 luglio 2012 (V Conto Energia) hanno introdotto l’obbligo della raccolta differenziata e il riciclaggio dei pannelli fotovoltaici, stabilendo che, per gli impianti entrati in esercizio a decorrere dal 1° luglio 2012, il produttore dei moduli fotovoltaici debba aderire a un Sistema/Consorzio che ne garantisca il riciclo a fine vita.

La Direttiva 2012/19/UE di rifusione sui Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche all’Art. 5, comma 1, ha stabilito che “Gli Stati membri adottano le misure adeguate a ridurre al minimo lo smaltimento dei RAEE sotto forma di rifiuti urbani misti, ad assicurare il trattamento corretto di tutti i RAEE raccolti e a raggiungere un elevato livello di raccolta differenziata dei RAEE, in particolare e in via prioritaria per le apparecchiature per lo scambio di temperatura contenenti sostanze che riducono lo strato di ozono e gas fluorurati ad effetto serra, lampade fluorescenti contenenti mercurio, pannelli fotovoltaici e apparecchiature di piccole dimensioni di cui alle categorie 5 e 6 dell'allegato III” (GUUE n. L197 del 24 luglio 2012).

Pur essendo in vigore dal 13 agosto 2012, la Direttiva non è stata ancora recepita nell’ordinamento nazionale, pertanto tali rifiuti non sono ancora operativamente dei RAEE. Così, prevedendo il IV e V Conto energia che per poter accedere agli incentivi il produttore di moduli debba appartenere ad un’organizzazione europea che si occupi del loro riciclaggio a fine vita (end of life), il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) nelle “Regole Applicative per l’iscrizione ai registri e per l’accesso alle tariffe inventivanti” ha previsto:

Il Soggetto Responsabile è tenuto a trasmettere al GSE un attestato di adesione del produttore dei moduli fotovoltaici a un sistema o consorzio che garantisca, attraverso un’adeguata struttura operativa e finanziaria, la completa gestione a fine vita dei moduli fotovoltaici immessi sul mercato nel periodo d’iscrizione al consorzio/sistema e utilizzati sugli impianti per i quali si richiede il riconoscimento delle tariffe incentivanti del Conto energia. Questa disposizione non si applica agli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative e agli impianti a concentrazione. Al riguardo si intende che:

- il “Produttore” è chiunque immetta sul mercato nazionale per la prima volta a titolo professionale i moduli fotovoltaici (Fabbricante / Importatore / Distributore che vende con il proprio marchio)”.

In seguito è stato pubblicato sul sito del GSE il “Disciplinare Tecnico per la definizione e verifica dei requisiti tecnici dei Sistemi/Consorzi per il recupero e riciclo dei moduli fotovoltaici a fine vita”, con cui sono state integrate e dettagliate le previsioni delle Regole Applicative dei Decreti e a seguito del quale il GSE ha ricevuto le candidature di alcuni Sistemi/Consorzi che intendono espletare le attività relative al recupero e al riciclo dei moduli fotovoltaici a fine vita nel rispetto del cosiddetto "Testo Unico ambientale" (D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152).

Ora, il GSE ha appena pubblicato il primo elenco dei Sistemi/Consorzi che sono risultati idonei per lo smaltimento dei moduli fotovoltaici a fine vita, fatte salve le verifiche antimafia che il GSE espleterà direttamente presso le competenti Prefetture.

Il GSE si riserva di modificare l’elenco all’esito delle suddette verifiche antimafia ovvero all’esito delle valutazioni che si renderanno necessarie a seguito dell’esame della documentazione che eventuali nuovi Sistemi/Consorzi faranno pervenire.

Inoltre, il GSE si riserva di effettuare le ulteriori verifiche previste dal Disciplinare, secondo le modalità ivi descritte nonché di chiedere documenti integrativi o elementi chiarificatori riguardo la documentazione presentata.

Infine, il GSE ricorda che i “Produttori” di moduli fotovoltaici installati su impianti entrati in esercizio nel periodo transitorio (1° luglio 2012 - 31 marzo 2013) dovranno aderire entro il 31 marzo 2013, con riferimento a tali moduli, a uno dei Sistemi/Consorzi inclusi nell’elenco. In mancanza della suddetta adesione, il GSE non ammetterà agli incentivi i nuovi impianti ovvero procederà ad annullare i provvedimenti già emessi di riconoscimento delle tariffe incentivanti, con conseguente recupero delle somme indebitamente percepite.

Rimane irrisolta, tuttavia, la criticità delle decine di milioni di pannelli installati prima del 1° luglio 2012 per i quali, al momento e fino al recepimento della Direttiva 2012 sopra richiamata, non sussiste alcun obbligo di ritiro e riciclo al loro fine vita, tramite i Sistemi/Consorzi.

Ci sarà finalmente qualcuno che, atteso il vuoto normativo, voglia farsi carico di questa grave carenza?


Commenta