Rete nazionale di inceneritori

Rete nazionale di inceneritori

La novità sarebbe contenuta nel collegato ambientale alla Legge di Stabilità.

inceneritore-acerra

Individuare l’attuale disponibilità sul territorio nazionale di impianti di incenerimento e coincenerimento di rifiuti urbani indifferenziati e di rifiuti derivanti dal trattamento di detti rifiuti, e il fabbisogno nazionale residuo di tali impianti, per determinare la rete nazionale integrata ed adeguata di impianti di incenerimento e coincenerimento di rifiuti, così come previsto dalla Direttiva Rifiuti (2008/98/CE).

Secondo Regioni.it che riprende un comunicato dell’Agenzia giornalistica DIRE che, a sua volta,  ha avuto la possibilità di leggere la bozza del collegato ambientale alla Legge di Stabilità 2014, queste disposizioni sono contenute nel nuovo art. 199-bis al Decreto legislativo n. 152/2006 (il cosiddetto Testo Unico Ambientale).

Tale rete verrà definita con Decreto del Ministro dell’Ambiente, di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico, sentita la Conferenza unificata  e tenuto conto anche dei Piani regionali. Inoltre, fino all’adozione del Decreto, non potranno essere presentate istanze di Autorizzazione di nuovi impianti salvo che per le Regioni in cui sono state aperte procedure di infrazione comunitaria per inadeguatezza del sistema di gestione dei rifiuti realizzato.


Commenta