RemTech Expo: Salone sulle Bonifiche dei Siti Contaminati

RemTech Expo: Salone sulle Bonifiche dei Siti Contaminati

Alla Fiera di Ferrara si svolgerà dal 23 al 25 settembre 2015, l’appuntamento più specializzato in Italia sulle bonifiche dei siti inquinati e la riqualificazione del territorio.
In contemporanea, “CoastEsonda” sulla Tutela della Costa, il Dissesto Idrogeologico e la Manutenzione del Territorio a rischio e “Inertia” sul Recupero dei Rifiuti inerti, ma esteso a tutta la filiera degli aggregati naturali, riciclati e artificiali.

remtech panoramica

La IX edizione di RemTech Expo, l’appuntamento più specializzato in Italia sulle bonifiche dei siti contaminati e la riqualificazione del territorio, si terrà alla Fiera di Ferrara dal 23 al 25 settembre 2015.

La Manifestazione, rivolta a una community qualificata e diversificata, composta da società private, enti pubblici, università e centri di ricerca, associazioni, professionisti, mondo dell’industria, comparto petrolifero e real estate, si caratterizza per un'area espositiva altamente accreditata, una sessione congressuale tecnico-scientifica di elevato livello, corsi di formazione per operatori, autorità e decision maker.

In contemporanea, si svolgeranno due Sezioni speciali di Expo.
CoastEsonda, 6° Salone sulla Tutela della Costa, il Dissesto Idrogeologico e la Manutenzione del Territorio a rischio, a cui partecipano le imprese più competitive, le università, il mondo della ricerca, le associazioni e le principali istituzioni del settore, tra le quali le Autorità Portuali, i Distretti Idrografici, i Consorzi di Bonifica, le Regioni e le ARPA.

I temi del ricco e diversificato programma congressuale vanno dalla valorizzazione delle coste, opere, porti, monitoraggio, Marine Strategy e Offshore alla Direttiva Alluvioni, con un trait-d’union tra dissesto idrogeologico e rischio idraulico, alla luce dell’aumentata frequenza e intensità degli eventi meteoclimatici calamitosi.

Inertia, 4° Salone sul Recupero dei Rifiuti inerti che si estende a tutta la filiera degli aggregati naturali, riciclati e artificiali, dedicando ampio spazio anche al settore estrattivo.
Tra i temi che Inertia affronta, a livello espositivo e congressuale, spiccano le demolizioni civili e industriali, gli impianti per la selezione e il riciclaggio dei rifiuti C&D, l'utilizzo degli aggregati riciclati, la certificazione e marcatura CE, il movimento terra, l'attività estrattiva e gli impianti specializzati, la gestione dei materiali da scavo, le costruzioni, le infrastrutture, il risanamento e la riqualificazione del patrimonio edilizio, il Life Cycle Assessment.

Lo sforzo costante e crescente di RemTech è quello di coinvolgere partner internazionali per favorire la partecipazione di progetti transfrontalieri ad alto contenuto tecnologico ed aprire a nuovi mercati europei ed extraeuropei.
Anche per il 2015, la Remtech School (nazionale ed internazionale) ed i Premi di Laurea Magistrale e di Dottorato.

RemTech, manifestazione organizzata da Ferrara Fiere Congressi (partner la Regione Emilia-Romagna) partecipa a EXPO 2015, nell'ambito del Biodiversity Park, una delle 4 aree tematiche dell’Esposizione, nel contesto di un percorso integrato che vede la centralità, da una parte, del tema dell'utilizzo del suolo e dell'inquinamento delle aree agricole e, dall'altra, della qualità dei prodotti agricoli. Il suolo e i prodotti della terra si trovano così coniugati in un'unica filiera produttiva, in costante evoluzione e di grande impatto, a livello mondiale, proprio nell'anno in cui l'Expo è ospitata in Italia.

Scopo del progetto RemTech-Biodiversity Park è quello di puntare i riflettori sulla terra e di valorizzare le eccellenze italiane ambientali, agricole e agroalimentari attraverso una narrazione che racconta l’evoluzione e la salvaguardia della biodiversità agraria, anche grazie a un palinsesto di eventi, incontri ed esperienze multimediali.

RemTech, inoltre, è tra gli stakeholder che #ItaliaSicura, la Campagna di comunicazione del Governo contro il dissesto del territorio, ha selezionato per avviare un percorso di partecipazione, dando il proprio contributo agli Stati generali sui cambiamenti climatici e sulla difesa del suolo, in vista della prossima Conferenza UNFCCC di Parigi, in programma per la fine dell’anno.

Come consuetudine, il programma convegnistico verte sugli argomenti di maggiore attualità e interesse, approfondendone gli aspetti con dibattiti multidisciplinari a livello nazionale e internazionale su tecnologie innovative, casi di studio ed esperienze reali.

Commenta