Raccogliere le erbe spontanee che… “pareggiano le ricchezze dei re”

Raccogliere le erbe spontanee che… “pareggiano le ricchezze dei re”

In questa stagione è possibile praticare questa sana attività che permette di raccogliere erbe spontanee da consumare crude, in insalata, o bollite e soffritte ovvero quali ingredienti per frittate, preparando gustosi piatti e contorni. Il deficit culturale accumulato in questi ultimi decenni, non ha permesso alle giovani generazioni di riconoscere e apprezzare le proprietà di varie specie selvatiche, sottoposte anche all’impatto di un’agricoltura intensiva che fa largo uso di pesticidi e diserbanti.

papola

Approfittando di un inverno insolitamente mite che ha fatto crescere in anticipo molte piante primaverili, è possibile recarsi in campagna o lungo gli argini dei fiumi (è opportuno allontanarsi il più possibile dai centri urbani e dalle grandi arterie di comunicazione), muniti di cesto, coltello e forbici per svolgere tale attività per procurasi una “misticanza”, svolgendo al contempo una sana attività “ginnica”.

Il nome corretto dell’alimentazione con piante ed erbe selvatiche è fitoalimurgia che, a differenza della fitoterapia, per assorbire le loro proprietà non fa uso di decotti, infusi e tisane, ma di insalate, bolliti, risotti e frittate.

Questa pratica, assai diffusa nella civiltà contadina, era attuata anche  durante il tragitto di ritorno a casa dalle attività agricole giornaliere, come quel “vecchierel di Corico nativo”, ricordato da Virgilio nelle Georgiche, che metteva insieme un frugale, ma nutriente pasto serale, che “regum aequabat opes animis” (che in cuor suo pareggiava le ricchezze dei re).

A testimoniare quanta importanza abbiano avuto nell’alimentazione umana le erbe spontanee, ricordiamo che il botanico Linneo chiamò una delle più apprezzate piante spontanee in cucina, Chenopodium bonus Henricus (spinacio selvatico) in onore di Enrico IV di Navarra che, secondo la leggenda, in occasione di un periodo di carestia avrebbe permesso alla popolazione locale di sfamarsi, concedendole di raccogliere nelle sue proprietà questa erba.

Tale attività ha avuto una ripresa durante la II guerra mondiale, in situazione di emergenza alimentare, protrattasi anche negli anni successivi. Questa usanza ha subìto poi una lenta e inevitabile decadenza, indotta dalla civiltà del consumismo e dalla frettolosità con cui vengono preparati piatti e pietanze. 

C’è da osservare, al riguardo, che l’attuale condizione economica sta inducendo a riprendere questa pratica, soprattutto da parte degli anziani, dal momento che i più giovani non sanno riconoscere certe erbe salutari, anche perché raramente si trovano in commercio. Qualora si rinvengono in qualche negozio o nei mercatini rionali si deve constatare che costano piuttosto care. Gli stessi coltivatori tendono a prediligere le qualità più redditizie e quelle che sono più facilmente riconoscibili dai frettolosi consumatori che non hanno troppo tempo da dedicare alle operazioni di pulizia e lavaggio. 

Bisogna considerare, inoltre, che molte specie spontanee che hanno costituito per secoli parte integrante delle diete dei nostri antenati, rischiano la scomparsa a causa di pratiche agricole volte alla maggior produttività e all’uso di “pesticidi” e “diserbanti”.

pratoline tarassaco grispigno valerianella
da sinistra: pratoline, dente di leone, grespigno


Senza voler azzardare conclusioni semplicistiche, non ci si può tuttavia esimere dal sottolineare che assieme alle erbe, di questo passo, rischiamo di perdere aromi e sapori delle nostre tradizioni che sono intimamente correlati al territorio in cui affondano le nostre radici culturali, la scarsa conoscenza delle quali compromette il futuro.

Ben vengano, quindi, tutte quelle iniziative che cercano di valorizzare le risorse naturali, coniugando imprenditorialità e difesa del territorio.

Peraltro, se ci fosse maggior afflusso di tali erbe sul mercato, indotto da una maggior domanda, ci sarebbe anche una diminuzione del relativo prezzo. La domanda, però, può incrementarsi solo se vi è un’adeguata conoscenza del valore salutare e nutrizionale delle erbe, che, purtroppo, le giovani generazioni non hanno.

Altrettanto positivamente devono essere salutati quei corsi che alcune associazioni stanno approntando per far riconoscere e cucinare le erbe spontanee.

Enti e istituzioni dovrebbero sostenere e incentivare queste iniziative economiche e culturali che, valorizzando il patrimonio naturale e di conoscenze del territorio, di fatto ne rendono “sostenibile” lo sviluppo.

Ritornando all’escursione da effettuare, in questo periodo è possibile mettere nel cestino molte varietà di erbe, a seconda delle aree geografiche e delle condizioni meteoclimatiche stagionali, da cucinare, anche se sarebbe preferibile raccoglierle quando ricominciano a vegetare, per poterle consumare crude in insalata.

spraina pimpinella 

da sinistra: spraina, pimpinella


Ecco alcune delle erbe che possono essere raccolte in questo periodo e che lavate, lessate e soffritte in padella con olio ed aglio, permettono la preparazione del piatto della “misticanza” (il nome volgare cambia a seconda delle aree greografiche: borragine (Borago officinalis); malva (Malva parviflora); spraina (Lactuca virosa); grugno (Cicorium intibus); valerianella (Valerianella eriocarpa); costolina (Hypochoeris neapolitana); pratolina (Bellis perennis); grespigno (Sonchus asper e oleraceus); barba di becco (Tragopogon porrifolius); papola (Papaver rhoeas); pimpinella (Sanguisorba minus); ortica (Urtica dioica e urens); dente di leone (Taraxacum officinale); senape (Sinapis alba); limonella (Melissa officinalis); lappola (Arctium lappa); caccialepre (Reichardia picroides).

Si tenga presente che la bontà del piatto è proporzionale alla capacità e all’esperienza del raccoglitore che distribuisce qualità e quantità in base alle loro caratteristiche, come avviene per il “brodetto di pesce” che è tanto più gustoso quanto più numerose sono le specie introdotte, cosicché non prevalga il sapore particolare di una, ma tutte offrano il proprio specifico contributo.

Commenta