Organizzata da IRPPS-CNR e Rappresentanza in Italia della Commissione europea, la sesta edizione del Concorso per studenti "inventori" delle scuole superiori ha premiato l'ITI "Montani" di Fermo (un metodo per estrarre oro dai RAEE), l'ITI "Cannizzaro" di Catania (gli isolanti termici naturali per l’edilizia) e l'ISS "Fermi" di Bibbiena (un robot che somministra i farmaci, e non solo, agli anziani.

invfactor innovazione a scuola

In Italia la ricerca scientifica appare penalizzata non solo da una storica insufficienza di investimenti, ma anche dalla carenza di giovani che scelgono percorsi formativi e carriere a contenuto scientifico.
Per convogliare, stimolare e valorizzare le intuizioni e le energie creative dei ragazzi italiani acquisite durante la formazione scolastica, l’Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IRPPS-CNR) organizza ogni anno il Concorso “INVFactor. Anche tu genio”, rivolto ai giovani studenti tra i 16 e i 18 anni sui temi della ricerca e innovazione, offrendo loro una concreta possibilit‡ di presentare e valorizzare le proprie invenzioni e il proprio talento.
Quest’anno “INVFactor” Ë stato promosso dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea nell’ambito di “EuFactor”, progetto per sensibilizzare i giovani allo studio della scienza, della tecnologia e dell'informatica.

Il 20 settembre 2016 a Roma presso lo Spazio Europa, sono stati annunciati i vincitori  tra i finalisti selezionati dalla giuria del CNR.
Sono state selezionate otto invenzioni finaliste su oltre 80 candidature a InvFactor 2016 pervenute al Cnr da nord a sud d’Italia, che hanno riguardato il tema dell’ambiente, della sicurezza, della domotica e della disabilità, evidenziando una spiccata sensibilità giovanile - ha affermato Antonio Tintori, Ricercatore del CNR-IRPPS e coordinatore del concorso -In particolare nei confronti dei problemi degli anziani e delle categorie sociali più deboli”.

Al 1°posto si è classificato l’Istituto Tecnico Industriale “Montani” di Fermo che ha presentato un metodo per estrarre l’oro dai rifiuti elettrici ed elettronici.
Il recupero di metalli preziosi e/o terre rare offre una soluzione sia al difficile approvvigionamento di queste materie prime che alla contestuale necessit‡ di ridurre la quantità dei rifiuti smaltiti.
Questa procedura per il preventivo allontanamento dei metalli diversi dall’oro, innovativa e non pericolosa per l’ambiente - ha spiegato lo studente Carlo Castelli - utilizza un cloruro ferrico (FeCl₃) che funge da ossidante senza rilasciare fumi tossici e acido cloridico (HCl) che potenzia il potere ossidante”.

Si resta sul tema ecologico con l’innovazione dell’Istituto Tecnico Industriale “Cannizzaro” Catania, che si aggiudica il 2° posto con gli isolanti termici naturali, ottenuto da piante d’agave, ortica e ginestra, da utilizzare in sostituzione ai materiali isolanti ad alto impatto ambientale, quali lana di roccia e fibre di vetro.
Il processo di estrazione della fibra prevede due fasi di bollitura degli steli: prima in carbonato di sodio (Na₂CO₃) e, una volta decorticati, in idrossido di sodio (NaOH) - ha illustrato la studentessa Giada AlicataDurante la macerazione degli steli in soluzione alcalina, si staccano dalla stoppa le parti legnose, ossia le fibre che vengono poi cardate. L’operazione finale consiste nel passaggio di acqua a grande pressione sul materiale decorticato per sciogliere la cuticola esterna della pianta, facendo rimanere solo la fibra”.

Ha ottenuto il 3° posto l’Istituto Secondario di Istruzione Superiore “Fermi” di Bibbiena (AR) con “Tutor uno”, robot operante nel settore sanitario, assistenza degli anziani per le terapie medicinali e non solo. “Pensato per aiutare gli anziani che hanno problemi di memoria e manualità a gestire l’assunzione giornaliera di farmaci - ha commentato  lo studente Petri Tommaso Michel - offre altre ed importanti funzioni: UPS, lampada di emergenza, sistema antifurto, erogatore di acqua, punto luce, rilevatore di gas, fumi e monossido di carbonio”.
Inoltre, ricorda di effettuare il test glicemico con apposita strumentazione inserita in un piccolo cassettino che si apre emettendo un segnale luminoso e sonoro all’orario prestabilito.

La competitività e posizione dell'Europa nel mondo si giocano sempre di più sull'innovazione e la ricerca: per questo dobbiamo investire nelle competenze dei giovani - ha dichiarato Beatrice Covassi, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea - INVFactor e la campagna EUFactor hanno l'obiettivo di sensibilizzare i giovani allo studio della scienza, della tecnologia e dell'informatica, in vista delle nuove opportunità di lavoro e delle competenze richieste dal mercato”.

I vincitori parteciperanno a un grande evento di divulgazione scientifica che si svolgerà il 30 settembre a Padova nell’ambito della “Notte dei Ricercatori”, dove sarà allestito un settore specifico, “Young talents on display”, in cui i giovani inventori potranno illustrare le loro scoperte al pubblico.