Pubblicati i Bandi per le Rinnovabili Elettriche non Fotovoltaiche

Pubblicati i Bandi per le Rinnovabili Elettriche non Fotovoltaiche

Domande di iscrizione al Registro e di partecipazione alle Procedure d’asta dall’8 ottobre al 6 dicembre 2012.

tralicci

Dopo il Bando per l’iscrizione al registro degli impianti fotovoltaici (cfr: Regioni&Ambiente del 27 agosto 2012), il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato sul proprio sito 3 Bandi relativi all’iscrizione ai Registri informatici e alle Procedure d’asta per gli incentivi  alla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici, come previsto dal DM 6 luglio 2012 che ha stabilito le modalità di incentivazione per gli impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, oggetto di intervento di potenziamento o di rifacimento, aventi potenza non inferiore a 1 kw e che entrano in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2012.

I registri e le procedure d’asta si riferiscono a: Eolico; Idroelettrico; Geotermoelettrico; Biomasse di cui all’Art. 8.4, lett. a), b) e d), biogas, gas di depurazione e gas di discarica e bioliquidi sostenibili; Biomasse di cui all’Art. 8.4, lett. c); Oceanica, comprese maree e moto ondoso (solo per nuovi impianti). Per ciascuna fonte viene individuata tipologia di impianto e classe di potenza, il valore delle tariffe incentivanti base di riferimento e definisce anche una serie di premi cui possono accedere particolari tipologie di impianti che rispettano determinati requisiti di esercizio.

Sia le richieste di Iscrizione che di partecipazione alle Procedure d’Asta devono essere trasmesse esclusivamente per via telematica, entro e non oltre le ore 24.00 del 6 dicembre 2012, mediante l'applicazione informatica FER-E, predisposta dal GSE, accessibile tutti i giorni del periodo di apertura del Registro a partire dalle ore 9.00 dell’8 ottobre 2012, 24 ore su 24, ad eccezione del giorno di apertura.

Per l’iscrizione al Registro, sia per i nuovi impianti compresi quelli integralmente ricostruiti, riattivati o oggetto di potenziamento sia per gli interventi di rifacimento, i Soggetti responsabili sono tenuti a corrispondere al GSE all’atto della domanda un contributo, a copertura delle spese di istruttoria, che varia a seconda della potenza da un minimo di 180 euro ad un massimo di 2.300 euro. Per la richiesta di partecipazione alle procedura d’asta, viceversa, il contributo è fisso, pari a 2.300 euro. Si rammenta che accedono ai meccanismi di incentivazione a seguito di partecipazione a procedure competitive di aste al ribasso:

- gli impianti nuovi e ibridi la cui potenza è superiore alla pertinente potenza di soglia, come definita dall’art. 5 del DM 6 luglio 2012;

- gli impianti oggetto di un intervento di potenziamento qualora la differenza tra il valore della potenza dopo l’intervento e quello della potenza prima dell’intervento sia superiore al valore di soglia vigente per gli impianti alimentati dalla stessa fonte.

I valori della potenza di soglia sono fissati in 5MW per tutte le tipologie di fonte rinnovabile, ad eccezione delle:

- fonti idroelettriche, per le quali il valore di soglia è fissato in 10MW di potenza nominale di concessione;

- fonti geotermoelettriche, per le quali il valore di soglia è fissato in 20MW.

Per accedere direttamente agli incentivi sia i nuovi impianti e quelli integralmente ricostruiti, riattivati o oggetto di potenziamento sia quelli sottoposti ad interventi di rifacimento devono trovarsi in posizione tale da rientrare entro i contingenti annui di potenza incentivabili (per gli interventi di rifacimento, ovviamente, non sussiste un continente di fonte Oceanica).

Anche per la partecipazione alle procedure d’asta c’è un contingente annuo che non può essere superato ed anche in questo caso la fonte Oceanica non è prevista, ma la fonte Eolica è distinta in on-shore e off-shore, ed insieme costituiscono più dei 2/3 della potenza incentivabile.

Le Graduatorie verranno formulate per ogni bando sulla base delle dichiarazioni fornite, applicando i criteri di priorità indicati rispettivamente dagli artt.10, 17 e 15 del DM 6 luglio 2012.

Oltre a tali meccanismi il Dm prevede un ulteriore modalità di accesso ai meccanismi di incentivazione, ossia l'accesso diretto, nel caso di impianti nuovi, integralmente ricostruiti, riattivati, oggetto di rifacimento o potenziamento con potenza non superiore ad un determinato limite (per i potenziamenti non deve essere superiore a tale limite l'incremento di potenza).

Per scaricare i bandi, connettersi al sito: http://www.gse.it/it/salastampa/news/Pages/decreto-FER-elettriche-GSE-pubblica-i-bandi.aspx, dove è possibile consultare anche le Procedure applicative per l’iscrizione ai registri e per la partecipazione alle procedure d’asta.

Commenta