Progetto H – REII per il recupero del calore da processi altamente energivori.

H-REII

Il 3 dicembre presso l'AIB di Brescia si svolgerà un workshop dal titolo "Efficienza energetica nei processi industriali e Green Economy – Il progetto H-REII: il recupero del calore da processi altamente energivori".
L'incontro rappresenta l'evento conclusivo del progetto H-REII – Heat Recovery in Energy Intensive Industries, iniziativa pilota a livello nazionale avviata a Brescia nel 2010 e cofinanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del programma LIFE+.
L’efficienza energetica in ambito industriale rappresenta oggi una straordinaria opportunità sia nazionale che europea, in termini di lotta ai cambiamenti climatici, maggiore sostenibilità dei processi e concreto sviluppo di una filiera tecnologica “green”.

Alcuni processi industriali, infatti, specialmente in settori particolarmente energivori (siderurgie, cementifici, fonderie di alluminio e non ferrosi, trattamenti termici, industrie del vetro, industrie chimiche, ecc.), sono caratterizzati da rilevanti quantità di calore di scarto che, inutilizzato, viene disperso nell’ambiente.
La realizzazione di sistemi per il recupero di tale calore e la relativa produzione di energia elettrica può rappresentare un aiuto significativo al fine di una sensibile riduzione dei gas serra emessi dai processi industriali e del raggiungimento degli ambiziosi obiettivi dell’Unione Europea sanciti dal pacchetto clima energia 20-20-20.
Per questo è nato il progetto HREII che affronta e risolve le principali barriere alla realizzazione su vasta scala delle applicazioni di recupero del calore di scarto nelle aziende maggiormente energivore. 

Tre sono gli obiettivi fondamentali del progetto:

1) la mappatura delle potenzialità a livello nazionale (identificazione dei processi altamente energivori, quantificazione dei principali parametri e degli effluenti di scarto);

2) la validazione attraverso numerosi audit energetici effettuati sul campo con lo scopo di promuovere policy a livello regionale e nazionale, semplificazioni degli iter autorizzativi e promozione delle migliori pratiche;

3) lo sviluppo di una nuova filiera industriale di eccellenza, classificabile nella cosiddetta “white economy”, nella quale l’Italia riveste una posizione di leadership. 


Al convegno, al quale interverranno tra gli altri Sebastiano Serra Capo Segr. Tecnica Ministro - Ministero dell’Ambiente; Mauro Mallone Dirigente div. EERE, Dipartimento Energia - Ministero dello Sviluppo Economico; Cristina Colombo Dirigente UO Competitività DG Industria - Regione Lombardia, saranno illustrati i risultati sviluppati su territorio nazionale dal modello pilota e al tempo stesso sarà presentato il nuovo progetto H-REII DEMO, a breve lanciato a livello europeo.

Per maggiori approfondimenti www.hreii.eu.