Intervista all’Assessore all’Ambiente, Giancarlo Parasecoli

giancarlo parasecoli pesaro

Pesaro, seconda città per popolazione della regione Marche, coniuga bellezze paesaggistiche e attrattive storiche.
È un centro balneare e industriale di notevole dinamicità, piuttosto sensibile alle esigenze ambientali. L’attuale amministrazione ha molto a cuore iniziative e progetti volti a migliorare il benessere della città, coinvolgendo i cittadini attraverso un’accurata e capillare informazione, al fine di orientare al meglio le azioni di ciascun individuo per il bene di tutti.

Assessore, quanto si impegna il Comune di Pesaro per l’ambiente?
Tantissimo. Nel senso che l’Amministrazione comunale ha fatto dell’ambiente uno dei pilastri del suo mandato, specie nel corso di questa tornata amministrativa.

Cosa ha comportato l’adesione del Comune al Patto dei Sindaci?
Per noi, è stato un passaggio veramente importante, anzi, secondo me, quello più importante che l’Amministrazione ha fatto in questa legislatura. Aderire al Patto dei Sindaci ha comportato un lungo percorso nel tempo da parte dell’Amministrazione, perché, non è possibile aderire al PAES in modo estemporaneo o in base a un’idea del momento. Da questa adesione è nato il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile, un piano importante che ha comportato un impegno notevole per la città e i cittadini dato che si tratta di azioni che vengono intraprese nel corso degli anni e sono volte a migliorare l’ambiente in cui viviamo. Io e la nostra attuale amministrazione siamo molto orgogliosi, perché, grazie al Patto dei Sindaci abbiamo ottenuto un riconoscimento importante: il primo premio nazionale per il miglior piano dei Comuni oltre i 90.000 abitanti, su iniziativa di Alleanza per il Clima e Kyoto Club.

Com’è la situazione attuale della gestione dei rifiuti qui a Pesaro?
Abbiamo raggiunto l’obiettivo previsto dalle norme nazionali: nel 2012, eravamo al 68% per la raccolta differenziata, di questo 68%, poi, l’80% è costituito da riciclo. Siamo in regola anche con le normative europee che prevedono il 50% di raccolta differenziata e il Comune di Pesaro secondo i parametri europei si colloca a un soddisfacente 56%.
Per raggiungere tali obiettivi abbiamo messo in atto una massiccia opera di informazione, organizzando 60 assemblee in tutta la città al fine di sensibilizzare i cittadini nei confronti della raccolta differenziata. L’impegno quotidiano di separare i rifiuti in casa da parte di ogni singolo individuo ci ha consentito di raggiungere l’obiettivo che altrimenti sarebbe stato solo un miraggio. Per questo ringrazio i miei concittadini per lo sforzo che hanno dovuto attuare al fine di consentirci di raggiungere questo notevole risultato.

Qual è il vostro impegno per il risparmio energetico e per la diffusione di fonti di energia rinnovabile?
Innanzitutto, abbiamo uno “Sportello Energia”. Abbiamo scoperto questo servizio in Europa ed è presente anche in Italia, ma in pochi Comuni. In sostanza è uno sportello informativo aperto a tutti i cittadini.
Abbiamo anche intrapreso diverse azioni nell’ambito del risparmio energetico: la copertura in fotovoltaico del parcheggio [dell’Adriatic Arena, a Pesaro] che, rappresenta una tra le più grandi realizzazioni in area pubblica in Europa appartenente a questa tipologia; gli impianti fotovoltaici in due scuole, grazie a un progetto europeo; la direzione del “progetto Sear”, un progetto europeo sulle energie solari insieme ad altri sei Comuni europei che si affacciano sull’Adriatico. Questo progetto ci ha consentito, attraverso i 480.000 euro di finanziamento, di: installare pannelli fotovoltaici su due edifici scolastici, acquistare una termocamera e un Leaf Meter, un misuratore di sostenibilità che verrà collocato nella sede del Comune e qui verranno raccolti i dati relativi alla CO2 dei vari impianti installati nella nostra città.

Quali sono le maggiori iniziative legate alla mobilità sostenibile?
L’ultima che abbiamo organizzato è la “Settimana Europea della Mobilità Sostenibile”, a cui c’è stata un’elevata partecipazione. Oltre a questa, ci sono diverse altre iniziative, tutte già in atto: “C’entro in bici!”; “L’ascia l’auto prendi la navetta”; “Viaggiare insieme conviene”; “A scuola ci andiamo con gli amici”.
Inoltre, abbiamo realizzato 69 Km di pista ciclabile e, a breve, verranno realizzati nuovi tratti in congiunzione all’interno della città. Stiamo anche lavorando a una pista ciclabile lungo il corso del fiume Foglia, questa dovrebbe diventare in futuro un parco, così almeno speriamo e a tal fine stiamo lavorando insieme alla Provincia; nel progetto verranno coinvolti anche i paesi confinanti con il comune di Pesaro.
Da poco, abbiamo terminato anche il “Progetto Cyclo”, un progetto europeo che ha contribuito non poco a migliorare la nostra ciclabilità.
Nell’insieme, quindi, posso sostenere che abbiamo fatto e stiamo facendo veramente molto per promuovere la mobilità sostenibile.

Com’è la qualità dell’aria e dell’acqua nel suo territorio?
La qualità delle acque è riconosciuta dalla presenza della Bandiera Blu, una garanzia per lo stato in salute delle acque, inoltre, questo è il primo anno che abbiamo ottenuto la bandiera anche per la parte all’estremo ponente della nostra città, denominata Baia Flaminia che è posta proprio sotto il San Bartolo; in questa zona si trova la foce del fiume Foglia ed avevamo dei problemi che ora sono stati risolti.

... e per quanto riguarda la qualità dell’aria?
Noi aderiamo alla Delibera predisposta dalla Regione Marche sulla qualità dell’aria e abbiamo previsto una serie di limitazioni per la circolazione dei veicoli, creando la cosiddetta “Zona Blu” un’area che coinvolge i 2/3 del centro storico della città, a cui non possono accedere i veicoli inquinanti. Grazie a tali interventi abbiamo visto scendere notevolmente, dal 2006 a oggi, il livello delle PM10. Il problema delle polveri sottili, comunque, resta un problema complesso, in quanto dovuto a una serie di fattori, resta, ovviamente importante qualsiasi tipo di azione che possa limitarne l’emissione in atmosfera e anche in questo caso è fondamentale il contributo di tutti.

In che modo sensibilizzate i cittadini sulle tematiche ambientali?
Abbiamo già parlato dello “Sportello Energia”, ma ne abbiamo anche altri, ad esempio, uno sportello che si occupa di informare i cittadini sulla prevenzione nei confronti della zanzara tigre e non mancano altre interessanti iniziative: “Andare a scuola con gli amici”; le lezioni di educazione stradale; “Bimbi in bici”; “Bimbi in città”; “Puliamo il mondo”; “M’illumino di meno”; “L’ora della Terra”.
Come amministrazione proponiamo dei progetti alle scuole, sono poi le scuole a scegliere quelli a cui vogliono aderire.
Siamo molto attivi e riteniamo molto importante l’informazione e utilizziamo tutti gli strumenti che sono a nostra disposizione per promuovere le nostre iniziative e sensibilizzare i cittadini. Ad esempio, per la Zona Blu, abbiamo fatto una massiccia campagna di divulgazione attraverso il sito del Comune e i manifesti presenti fisicamente in città.

Un messaggio per i cittadini di Pesaro!
Ai cittadini rivolgo un sentito ringraziamento perché è solo grazie a loro che siamo riusciti a raggiungere i risultati che ci eravamo prefissi e che senza il loro apporto sarebbero stati mera utopia.
Come Amministrazione riteniamo di estrema importanza l’obiettivo di mantenere alto l’interesse verso la tutela ambientale, perché tutelare l’ambiente significa dare valore al benessere di tutti.