Per un buon vino una pianificazione urbanistica nel segno della sostenibilità

Per un buon vino una pianificazione urbanistica nel segno della sostenibilità

Annunciati i risultati di una ventennale ricerca del CNR-ISAFoM sui terroir viticoli che mette in evidenza lo stretto legame tra ambiente fisico, substrato geologico, morfologia, suolo e caratteristiche compositive dei mosti e dei vini e, quindi, qualità dei vini.

vigne di malies

Nel corso del Convegno “La Geologia per la Sostenibilità nel comparto Vitivinicolo”, organizzato a Napoli il 23 aprile 2015 dall’Ordine dei Geologi della Campania, il Prof. Antonio Leone, Primo Ricercatore del CNR-ISAFoM (Istituto per i Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo) ha annunciato nel suo intervento su “Le influenze del terroir sulla qualità dei vini: esperienze nel beneventano” i risultati di una ricerca condotta per un periodo di circa 20 anni.
Abbiamo analizzato il territorio della provincia di Benevento, che con i suoi circa 11.000 ettari di superficie vitata rappresenta il 64% dell’intera superficie viticola della Campania - ha affermato Leone - Insomma, l’ambiente fisico, in particolare il substrato geologico, la morfologia e il suolo, hanno una grande influenza sulle caratteristiche compositive e sulla ‘distintività’ delle uve e dei vini”.

La ricerca riguarda il “terroir”, termine francese (non ha un corrispondente italiano) che incorpora sia l’ambiente fisico (suolo, clima, esposizione topografica, ecc.) sia le pratiche vitivinicole, che determinano le caratteristiche tipiche di un vino.
Lo studio dei terroir viticoli, utilizzabile anche in zone attualmente non vitate, è uno strumento prezioso per creare, revisionare e affinare DOC e DOCG e per valutare le potenzialità viticole, soprattutto in relazione ai cambiamenti climatici globali che influiranno sulla gamma di potenzialità viticole delle Unità Terroir di Base (UTB).
Se è difficile modificare quei fattori che dipendono molto dalle variabili climatiche e pedo-climatiche di tipo fisico, conoscerli permette di meglio adattarsi.

Gli studi, effettuati in collaborazione con importanti istituzioni internazionali, tra cui l’Institut Nationale de la Recherche Agronomique di Angers (Francia) che conduce studi paralleli sui vini rossi (Cabernet franc) in 3 DOC della Valle della Loira, hanno integrato metodi tradizionali (fotointerpretazione, rilievi di campo, analisi di laboratorio) con metodi innovativi, come il telerilevamento da piattaforma aerea o da drone, la spettroscopia visibile e infrarosso, la prospezione geofisica, che hanno evidenziato la grande influenza dell’ambiente fisico, ed in particolare dei suoli sulle caratteristiche compositive dei mosti e dei vini.

Gli studi realizzati hanno avuto, fra l’altro, importanti ricadute applicative - ha spiegato Leone - come l’uso della zonazione viticola in supporto alla realizzazione di un piano urbanistico nel comune di Castelvenere e consentono alle aziende di migliorare la qualità e la sostenibilità del vino, delocalizzando, ad esempio, gli impianti di Falanghina sui terreni che risultano più vocati, e con un forte abbattimento di costi rispetto al passato, poiché la costruzione di una carta della qualità dei suoli, effettuata mediante la spettrometria, consente un utilizzo delle analisi del terreno più puntuale e più limitato”.
La conoscenza e la cartografia delle relazioni tra ambiente fisico (suolo, geologia, forma del rilievo, ecc.) e produzione viticola e olivicola non possono non essere considerate nella realizzazione di moderni PUC, perché viticoltura e olivicoltura, che costituiscono la matrice agricola in cui sono immersi gli ambienti urbanizzati, sono sistemi agricoli rilevanti (aspetto produttivo) e anche elementi caratterizzanti il paesaggio (aspetto turistico-ricreativo).

Per la sua rilevanza paesaggistica, oltre che produttiva la provincia di Benevento è stata recentemente proposta come Patrimonio dell’UNESCO, al pari di altre realtà viticole d’Italia.

Immagine di copertina: Vigneti a Guardia Sanframondi (BN) fonte: Vigne di Malies.                                                                                                                                                
 

Commenta