Dal 21 al 24 giugno a Verona si danno appuntamento i protagonisti mondiali dell'industria dell'alluminio e dei materiali innovativi, per il business matching che coinvolgerà oltre 400 espositori con un terzo di presenza estera. Sono già al completo importanti aree come il padiglione della pressocolata e quelle dedicate alla fonderia e all'automazione industriale, con la possibilità di testare in presa diretta le tecnologie più avanzate del settore.

L'undicesima edizione di METEF, in programma a VeronaFiere dal 21 al 24 giugno 2017, rappresenta l'evento di riferimento a livello mondiale per l'industria dell'alluminio, dei metalli innovativi e delle attrezzature e soluzioni per il settore della fonderia, che trova nel comparto dell'automotive e dei trasporti in genere l'elemento trainante per l'intero indotto industriale. Il countdown organizzativo già evidenzia i dati che accreditano METEF quale crocevia internazionale di riferimento per oltre 400 espositori (di cui il 30% esteri) e la previsione di una partecipazione importante di operatori professionali (oltre 10.000 nel 2014, di cui il 35% dall'estero).

"METEF ha attraversato le profonde trasformazioni strutturali del sistema economico globale e in particolare della fonderia e dell'industria dell'alluminio - ha affermato Giovanni Mantovani, Direttore generale di Veronafiere - L'esposizione ha mantenuto l'allineamento con l'evoluzione del mercato, aggiornando contenuti e strategie di comunicazione ai cambiamenti in atto, al fine di rappresentare al meglio gli interessi delle piccole e medie imprese della filiera dell'alluminio, sia in Italia sia nel mondo".

METEF proporrà alla platea internazionale del settore la sua caratterizzazione molto specifica, incentrata su quattro cardini: filiera, custom solutions, automotive, networking. Un percorso coerente e integrato che parte dalla fonderia, passando per i processi di trasformazione con le relative fasi di lavorazione, arrivando fino al prodotto e alla soluzione di fornitura, senza dimenticare ovviamente materie prime e riciclo. Una visita virtuale alla piattaforma fieristica può raccontare che il padiglione dedicato il settore della pressocolata, è già al completo: sono presenti tutti i costruttori di macchine e impianti, con la possibilità di testare e "toccare con mano" diverse nuove tecnologie che saranno esposte per la prima volta in fiera.

Di assoluta rilevanza l'area dedicata alle fonderie, già protagoniste con una forte partecipazione in termini di visitatori, che quest'anno come filiera avrà anche una nutrita presenza espositiva. Così come sta prendendo corpo un importante ampliamento del settore dell'automazione industriale, fortemente coinvolto nel processo di ottimizzazione e razionalizzazione dei flussi produttivi della trasformazione dell'alluminio. Di spicco la presenza dei leader mondiali del comparto, vera chiave di volta dello sviluppo manifatturiero nella logica dell'Industria 4.0.

Tematiche sulle quali METEF potrà aprire e guidare un confronto a livello internazionale, forte delle collaborazioni attive con diverse organizzazioni e associazioni estere di riferimento – come Nadca, Foundry Planet, Fundigex, STOP (Associazione delle fonderie polacche), ecc – e grazie alla partecipazione già confermata di numerose delegazioni ufficiali in rappresentanza di diversi Paesi, dall'Occidente più avanzato come Stati Uniti e Germania ai mercati emergenti come Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Paesi Balcanici, Spagna, Iran.