Le proposte di AiCARR per il Green Act

Le proposte di AiCARR per il Green Act

Anche l’Associazione Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione ha inviato al Governo il proprio contributo alla redazione del provvedimento che dovrà essere emanato nel giugno 2015, che si sostanzia in 3 proposte relative ad una strategia per l’efficienza energetica, al rilancio della microgenerazione e alla riqualificazione energetica pubblica fuori dal Patto di stabilità.

aicarr greenact

Il Programma Nazionale di Riforma (PNR), contenuto nel Documento di Economia e Finanza 2015 (DEF), approvato dal Governo il 10 aprile 2015, ha previsto che il Green Act il “provvedimento legislativo contenente misure finalizzate a: efficienza e risparmio energetico; sviluppo delle fonti rinnovabili; incentivazione della mobilità sostenibile, con particolare riferimento alle città sostenibili e alla rigenerazione urbana; misure per la gestione ed uso efficiente del capitale naturale (suolo, foreste, terreni agricoli); agricoltura sostenibile, strumenti finanziari e fiscali per lo sviluppo dell'economia verde”, che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva annunciato per marzo con un tweet a gennaio, verrà approvato nel mese di giugno.

Aveva aperto il confronto con il Governo su questo atteso documento Legambiente, presentando in febbraio “Il Green Act che serve all’Italia”, una serie di proposte immediatamente attuabili per fare ripartire il Paese.
In marzo gli organizzatori di EcoFuturo, il Festival delle ecotecnologie, annunciavano un Libro Bianco, contenente un quadro delle nuove tecnologie già disponibili in Italia in molti settori quali le energie rinnovabili e l'efficienza energetica.
Era continuato con l’esposizione in 10 punti delle proposte di “Green Act per un futuro rinnovabile, efficiente e sostenibile” durante l’omonimo Convegno del Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica (FREE).
In aprile assoRinnovabili aveva inviato al Governo un Documento con 33 azioni che si connotava come un vero e proprio Piano per la regolamentazione e il sostegno alle fonti rinnovabili, in grado di contribuire al rilancio dell’occupazione e alla crescita del PIL.

Ora è la volta dell’Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione (AiCARR) che ha inviato il 6 maggio 2015 una Lettera al Governo “impegnato nella redazione del Green Act, il proprio contributo”.
In merito, si legge nella lettera inviata dal Presidente dell’Associazione Livio de Santoli, “date le caratteristiche che presumibilmente avrà il Green Act, occorrerà formulare proposte su pochi temi, ma strategici”, che si sostanziano in: una Strategia per l’efficienza; il rilancio della microgenerazione; una riqualificazione energetica edifici pubblici fuori dal Patto di stabilità.

Di seguito riportiamo in dettaglio le proposte formulate da AiCARR.

1. L’efficienza energetica per essere una grande opportunità per il Paese deve essere inquadrata in una strategia e una pianificazione energetica complessiva che al momento non è completamente delineata. Sono stati individuati più di venti dispositivi che il Governo dovrà emanare per l’attuazione concreta della direttiva comunitaria sull’efficienza energetica, con il coinvolgimento di 5 ministeri e una decina di istituzioni, tra cui ENEA e GSE. Sono in ballo decine di miliardi di euro da qui al 2020 per l’industria delle costruzioni e per le nuove occupazioni sull’efficienza energetica in edilizia e vige già da un anno l’obbligo da parte delle PPAA centrali di intervenire con riqualificazioni mirate per un 3% annuo del proprio patrimonio immobiliare. Si suggerisce, nel quadro di forte rinnovamento intrapreso dal Governo, di affrontare la questione in modo organico e strategico con la costituzione di una unità di missione per l’efficienza energetica in edilizia presso il rinnovato Ministero delle Infrastrutture, insieme alle altre strutture di missione, quella per l’edilizia scolastica e universitaria e quella per il dissesto idrogeologico.
Azione preliminare, oltre al coordinamento delle attività legislative e al controllo dei risultati raggiunti, quella di proporre al Governo l’emanazione di un testo unico per l’efficienza energetica in edilizia.

Altro strumento per promuovere in modo efficace politiche di efficienza energetica “strutturali” è la trasformazione urbana attraverso l’introduzione di principi che garantiscano la riduzione dei consumi di energia su scala urbana (riferiti alle aree di trasformazione) ovvero principi di perequazione energetica. In altri termini bisogna porre un obiettivo di riduzione dei consumi energetici e ciò deve essere contemplato esplicitamente nei documenti di revisione della Legge Quadro sull’Urbanistica (ferma al 1942) con la regolamentazione all’interno del progetto complessivo degli interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti. La trasformazione urbana è l’unico ambito all’interno del quale si possono promuovere determinate politiche: si esce quindi dalla logica di intervento sul singolo edificio per entrate nella logica di intervento sulla città. Una occasione importante al fine di poter conseguire nei tempi prestabiliti gli obiettivi imposti a livello europeo e nazionale in termini di sostenibilità energetica, ambientale ed economica. La stessa generazione distribuita può entrare con forza all’interno della trasformazione urbana, introducendo un elemento fondante sul tema delle Smart City.
Infine si evidenzia l’importanza, negli strumenti di supporto per la trasformazione urbana, del ruolo di un regolamento edilizio comunale tipo, che risulta strumento efficace per promuovere efficienza energetica e utilizzo delle rinnovabili, e che deve avere carattere organico e coordinato nel Paese.

2. Occorre rivitalizzare la micro-cogenerazione, elemento di un modello che ha iniziato la transizione verso la generazione distribuita dell’energia. Lo impone l’Europa che raccomanda agli Stati Membri concrete politiche strutturali: occorre prevederne l’installazione per le nuove edificazioni, occorre potenziarne l’incentivazione con certificati bianchi dedicati ed idonei, estenderne l’applicazione nell’ambito delle detrazioni fiscali, semplificare la struttura fiscale (revisione dell’officina elettrica, del contatore fiscale, dell’applicazione delle accise).

3. Per l’edilizia pubblica occorre escludere dal patto di stabilità gli investimenti per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, a patto che siano dovutamente certificati da terzi (rafforzando anche nel settore civile lo strumento della diagnosi energetica) e che il miglioramento energetico sia rilevante (anche una riduzione media di 50kWh/mq all’anno, visto lo stato di parte del nostro patrimonio immobiliare, non dovrebbe destare problemi). Si otterrebbe una forma di incentivazione indiretta in grado di dare fiato alla crescita, ridurre la spesa pubblica e far lavorare certificatori ed ESCO. Naturalmente la struttura della diagnosi energetica diventerebbe a questo punto ancor più rilevante, perché non solo obbligatoria per il solo settore industriale, con uno sforzo considerevole da affrontare oggi a livello normativo (accreditamento, metodologia, controlli).
 

Commenta