Il fantasma della prevenzione dei rifiuti aleggia sull’Italia o… alla Camera dei Deputati?

Il fantasma della prevenzione dei rifiuti aleggia sull’Italia o… alla Camera dei Deputati?

Una interrogazione parlamentare sarebbe stata presentata alla Camera dei Deputati per sollecitare il Ministero dell’Ambiente a trasmettere la Relazione di aggiornamento del Programma Nazionale di Prevenzione dei Rifiuti, ma questa è stata presentata il 14 gennaio 2015.

camera aula


Il 9 febbraio 2015 su Greenreport è apparso l’articolo di Luca Alterini dal titolo: “Aleggia sull’Italia il fantasma della prevenzione dei rifiuti”, secondo cui il Presidente della Commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci, assieme ai colleghi Alessandro Bratti e Piergiorgio Carrescia, avrebbe depositato un’interrogazione per sollecitare il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare a presentare la relazione con l’aggiornamento del Programma Nazionale di Prevenzione dei Rifiuti, visto che non è stata ancora trasmessa alla Camera dei Deputati, come stabilisce il Decreto Legislativo n. 152/2006 (il cosiddetto Codice Ambientale) che, a partire dal 2013, ne prevede l’invio alle Camere entro il 31 dicembre di ogni anno.

Non sappiamo quando e se tale interrogazione sia stata effettivamente presentata, ma a noi risulta che la summenzionata Relazione è stata trasmessa, seppure in ritardo (14 gennaio 2015), alla Presidenza della Camera dei Deputati.

I casi sono due:
- la notizia si riferisce ad un atto precedente il 14 gennaio 2014; oppure
- il Presidente della Commissione Ambiente e i suoi due colleghi non erano informati dell’avvenuta trasmissione.

È pur vero che la Relazione di 160 pagine si risolve, a nostro avviso, in una mera elencazione di iniziative promosse o a cui il Ministero ha partecipato, senza  apprezzabili indicazioni sui risultati conseguiti e sulle indicazioni per risolvere le criticità registrate: ma questa è tutt’altra storia!

Commenta