Il CNR seleziona i Comuni da trasformare in “Smart Cities”

Il CNR seleziona i Comuni da trasformare in “Smart Cities”

I Comuni che desiderano candidarsi per l’installazione di diversi dispositivi con l’intento di digitalizzare il suolo comunale debbono inviare la propria domanda di partecipazione entro il 9 agosto 2013.

l-CNR-seleziona-i-Comuni-da-trasformare-in-Smart-Cities

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), in collaborazione con l’ANCI intende studiare e sperimentare un insieme coordinato di soluzioni innovative per rendere le città sostenibili da un
punto di vista energetico-ambientale.
Per raggiungere questo obiettivo, è nato il Progetto “Energia da Fonti Rinnovabili e ICT per la Sostenibilità Energetica” che s i basa sull’uso diffuso di fonti energetiche rinnovabili (e delle relative tecnologie per l’accumulo e la gestione dell’energia) e sull’utilizzo estensivo di tecnologie ICT per la gestione avanzata dei flussi energetici e rendere i servizi della città energeticamente efficienti adattandoli alla domanda (favorendo quindi il risparmio energetico e l’uso razionale dell’energia) e alla disponibilità di energia da fonti rinnovabili, anche con il coinvolgimento consapevole dei cittadini.

A tal fine è stato lanciato un Bando per la selezione di Comuni Italiani idonei ad essere trasformati in vere e proprie “Smart Cities” mediante l’installazione di diversi dispositivi con l’intento di digitalizzare il suolo comunale attraverso servizi di Digital Advertising per cittadini e turisti, collegamento Internet ad alta velocità tramite Hot-Spot WiFi pubblici, gestione automatizzata della sosta nei parcheggi cittadini, controllo del traffico e della mobilità, bilanciamento e gestione dell’energia consumata, telecontrollo e telegestione, tramite applicativi web-based, degli impianti di illuminazione pubblica.

I Comuni che desiderano candidarsi dovranno, pena l’esclusione, fornire informazioni sui loro impianti di Illuminazione Pubblica e partecipare ad una sola delle seguenti categorie:

- Centri storici di tutte le città italiane capoluogo di provincia oltre a quelle aventi popolazione totale pari o superiore ai 100.000 abitanti, dotate di monumenti di alta  rilevanza storica e munite di almeno un museo pubblico da attrezzare con strumenti multimediali, nelle quali studiare e sperimentare un insieme coordinato di servizi e soluzioni innovative improntate al turismo e alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale che la città possiede. L’area del centro storico dovrà essere  dotata di una rete di pubblica illuminazione con un numero di punti luce compreso fra i 600 e i 1.200.

- Comuni italiani medio-piccoli, con popolazione non superiore ai 7.000 abitanti e con una rete di illuminazione pubblica compresa fra i 600 e i 1.200 lampioni dislocati su tutto il territorio comunale, con l’obiettivo di realizzare servizi di gestione del territorio mirati non solo all’efficientamento energetico, ma anche al miglioramento  della vita dei cittadini, rendendola più sicura e piacevole.

- Città e Comuni italiani, sia marittimi che montani, caratterizzati da un elevato impatto turistico, che necessitino della creazione di un sistema di rete a valore aggiunto in termini di accoglienza dei visitatori e assistenza durante la loro permanenza, in collaborazione con le strutture del sistema turistico coinvolte sul territorio. Nel caso in cui il Comune abbia una popolazione superiore ai 7.000 abitanti, esso dovrà individuare e motivare un’area di sperimentazione ad elevato impatto turistico che coinvolga però anche i residenti.

Detta area dovrà comprendere fino ad un massimo di 1.200 punti luce.

Le tecnologie e la strumentazione che saranno messe a disposizione delle città saranno a totale
carico del CNR che le assegnerà in comodato d’uso gratuito ai Comuni coinvolti che dovranno
farsi carico esclusivamente di tutte le spese di installazione.

L’investimento in tecnologie e strumentazione da parte del CNR per ognuno dei 3 Comuni selezionati è di circa 1 milione di euro.

Le domande di partecipazione alla selezione dovranno essere inviate entro le ore 24 del 9 agosto 2013, secondo le modalità di cui al Bando http://www.smartcities.cnr.it/


Commenta