C’è tempo fino al 4 novembre 2013 per aderire alla Settimana di Educazione alla Sviluppo Sostenibile che si terrà dal 18 al 24 novembre 2013, iniziativa dell’UNESCO nell’ambito della Campagna Decennio dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2005 – 2014 (DESS), Campagna mondiale proclamata dall’ONU e coordinata dall’UNESCO, allo scopo di diffondere valori, conoscenze e stili di vita orientati al rispetto dei beni comuni e delle risorse del pianeta.

DESS manifesto

Non esiste una nazione meglio attrezzata per affrontare un futuro di economia sostenibile. Siamo il Paese più bello del mondo e la bellezza è oggi la merce più ricercata. Abbiamo immensi giacimenti culturali, una miscela unica di meraviglie naturali e costruite nei secoli, una posizione centrale nel Mediterraneo, una situazione climatica ideale per produrre energia pulita, con sole, acqua, vento. Eppure nella produzione di energie rinnovabili siamo molto indietro rispetto ai Paesi del Nord”.

Così si è espresso Renzo Piano, architetto di maggior fama internazionale e neo-Senatore a vita, in una recente intervista.

Proprio questo patrimonio che abbiamo ereditato dal passato e alla necessità di creare soluzioni per dar vita a nuove forme di bellezza è dedicata la VIII edizione della Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile, che si terrà dal 18 al 24 novembre 2013.

In un appuntamento consolidato di crescita, di consapevolezza, e di impegno, sia delle istituzioni che dei cittadini, dopo aver affrontato nei diversi anni grandi temi dello sviluppo sostenibile, Energia (2006), Cambiamenti Climatici (2007), Rifiuti (2008), Città e Cittadinanza (2009), Mobilità (2010), Acqua (2011), Alimentazione (2012), quest’anno, infatti, la DESS sarà dedicata  a “I Paesaggi della bellezza: dalla valorizzazione alla creatività”.

La ricchezza del nostro Paese risiede soprattutto nella bellezza dell’insieme dei nostri patrimoni, naturali e culturali, racchiusi in modo inscindibile nel nostro paesaggio, il capolavoro dell’interazione tra la nostra creatività (la bellezza delle nostre città, dei nostri monumenti, delle nostre tradizioni, del nostro tessuto produttivo) e il nostro ambiente.

Cosa rappresenta oggi il nostro paesaggio e, ancor di più, cosa ne sarà di esso domani?

Se da una parte dobbiamo pensare alla tutela e valorizzazione di ciò che abbiamo, dobbiamo altrettanto pensare, proprio nell’ottica dello sviluppo sostenibile, al futuro e alla nostra visione di ciò che sarà, alla creazione di “nuova bellezza”: nel nostro modo di spostarci, di vivere e organizzare le nostre città e i nostri centri, nel nostro modo di produrre, crescere e soprattutto innovare, in tutti i campi. Più che un vincolo, l’ambiente e la sostenibilità sono l’occasione per creare, innovare, produrre bellezza.

È quindi fondamentale che le nuove generazioni vengano incoraggiate non solo a conservare e tutelare, ma a trarre ispirazione e slancio creativo nel pensare al “nuovo”, al futuro e al loro sviluppo sostenibile.

Per questi motivi il prossimo novembre, sotto l’egida e il coordinamento della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, in collaborazione con le Regioni e le Province Autonome, scenderanno in campo centinaia e centinaia di realtà, dalle istituzioni alle scuole, dalle associazioni alle imprese, dalle fondazioni alle università, dando vita a una fitta rete di eventi del genere più diverso: convegni, seminari, giochi, escursioni, mostre, laboratori didattici, spettacoli, proiezioni, dimostrazioni… 

Sono stati oltre 800 gli appuntamenti che hanno animato lo scorso anno la Settimana, mostrando un’Italia ricca di realtà virtuose e desiderose di diffondere saperi e comportamenti orientati a un futuro più equo e sostenibile. 

La Settimana s’inquadra nel “DESS - Decennio dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2005 - 2014”, Campagna mondiale proclamata dall’ONU e coordinata dall’UNESCO, allo scopo di diffondere valori, conoscenze e stili di vita orientati al rispetto dei beni comuni e delle risorse del pianeta. A scegliere il tema dell’anno è il Comitato Nazionale DESS che si compone di tutte le principali realtà che operano a ogni livello in Italia per promuovere la “cultura della sostenibilità”: istituzioni, associazioni, rappresentanze socio-economiche, ONG, centri di ricerca e formazione, reti di scuole, agenzie ambientali…

Per aderire, promuovendo iniziative tra il 18 e il 24 novembre, è necessario compilare la Scheda di adesione ed inoltrarla in formato word, entro e non oltre lunedì 4 novembre 2013 ed esclusivamente in via elettronica, all’indirizzo settimanadess2013@gmail.com

Una volta valutata e approvata la proposta, verrà inviata una conferma ufficiale di inserimento nel Programma Nazionale 2013, unitamente ai Loghi DESS ed UNESCO, utilizzabili solo ed esclusivamente sui materiali e per la promozione dell’iniziativa inserita nella Settimana 2013.

Se un’iniziativa comprende più attività (es. convegno, mostra, escursione…) in un'unica località, è sufficiente compilare una sola scheda, indicando alla voce ‘descrizione sintetica dell’iniziativa’ le date e gli orari delle singole attività previste. Chi intende organizzare iniziative in più località (regioni, province, comuni), dovrà compilare tante schede quante sono le località interessate. Se l’iniziativa rientra in una campagna nazionale coordinata e promossa in più Regioni da un’organizzazione con struttura “a rete” è opportuno che le sedi locali dell’organizzazione si coordinino con la sede centrale per la trasmissione delle singole schede, evitando così doppi invii.