Stati Generali della Green Economy (Rimini, Fiera ECOMONDO, 8-9 novembre 2016)

Stati Generali della Green Economy (Rimini, Fiera ECOMONDO, 8-9 novembre 2016)

È stata presentata questa mattina (27 ottobre 2016) a Roma la V edizione degli Stati Generali della Green Economy, promossi dal Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 64 organizzazioni di imprese rappresentative della green economy in Italia, in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) e del Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e con il coordinamento della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (FoSS), che avrà luogo l'8 e il 9 novembre nell'ambito di ECOMONDO 2016, il Salone della Green & Circular Economy, in svolgimento a Rimini Fiera, dall'8 all'11 novembre 2016.

Alla Conferenza stampa di presentazione sono intervenuti il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, Edo Ronchi Presidente della FoSS e Lorenzo Cagnoni, Presidente di Rimini Fiera.

C'è grande attesa per la Relazione 2016 sullo stato della green economy - L'Italia in Europa e nel mondo che verrà presentata da Edo Ronchi nella sessione di apertura la mattina dell'8 novembre e che quest'anno propone un'interessante riflessione sui seguenti temi:
- 5 economie europee a confronto (Italia, Germania, Francia, Regno Unito e Spagna) su 8 tematiche strategiche sulla base di 16 indicatori di performance;

- approfondimento internazionale sulla green economy italiana, realizzato dal centro di ricerca "Dual Citizen" di Washington DC, per comparare la green economy di ben 80 Paesi nel mondo rispetto a 4 dimensioni;

- aggiornamento sui progressi della green economy a livello internazionale sulla base dei dati OCSE 2016, su 4 indicatori guida su scala mondiale, con i risultati del Rapporto internazionale "State of green business 2016", realizzato dalla società americana per lo sviluppo industriale sostenibile GreenBiz.

I lavori proseguiranno nel pomeriggio dell'8 novembre con le 5 sessioni parallele di approfondimento sui seguenti temi:
- Proposte per una nuova strategia energetica nazionale al 2030 dopo la Conferenza sul Clima di Parigi, in collaborazione con ENEA;
- Il pacchetto di Direttive sull'economia circolare; prospettive e opportunità, in collaborazione con Edizioni Ambiente;
- Il made green in Italy nell'agroalimentare, in collaborazione con CSQA Cerificazioni;
- L'Agenda 2030 ed il reporting non finanziario delle imprese, in collaborazione con Fondazione Global Compact Network Italia;
- Green bond e altri strumenti finanziari per una green economy, in collaborazione con il MATTM.

"Le eccellenze italiane nel campo della green economy restano più forti delle difficoltà che pure non mancano: sostenere le eccellenze e recuperare le difficoltà è una via percorribile di rilancio economico che in Italia non ha uguali - ha affermato il Presidente della FoSS, Edo Ronchi - Nulla ha potenzialità di sviluppo comparabili con quelle della green economy in Italia. Perché abbiamo invece una così scarsa reputazione green all'estero? Perché noi stessi comunichiamo poco e male, con scarsa convinzione, le tante cose buone che si fanno in Italia e comunichiamo invece con grande enfasi quelle negative che purtroppo non mancano e che dovremmo impegnarci di più a eliminare".

I lavori si concluderanno la mattina del 9 novembre con proposte dei Gruppi di Lavoro del Consiglio Nazionale della Green Economy e la sessione plenaria dedicata al tema "Le città, driver della green economy"alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

La partecipazione agli Stati Generali della Green Economy è gratuita.
Dati i posti limitati e il grande interesse per seguirne il programma è necessario munirsi del biglietto di ingresso prima dell'evento tramite la procedura di registrazione online da effettuarsi entro il 30 ottobre 2016.
L'iscrizione agli Stati Generali consente l'ingresso gratuito in Fiera per i giorni del 8 e 9 novembre 2016 , che potrà essere stampato a registrazione effettuata.

Commenta