Gli asciugamani monouso sono il metodo più igienico nei bagni pubblici

Gli asciugamani monouso sono il metodo più igienico nei bagni pubblici

Una nuova ricerca peer review ha analizzato la potenzialità di contaminazione microbica dei vari metodi di asciugatura delle mani nei bagni pubblici, confermando che gli asciugamani monouso hanno un livello di sicurezza nettamente superiore agli asciugatori ad aria calda o a getto.

paper towel

Sul numero di marzo del Journal of Hospital Infection è stato pubblicato uno studio peer-review ovvero sottoposto a revisione di esperti della materia prima di essere pubblicato, che mette a confronto i diversi metodi di asciugarsi le mani da parte degli utenti dei bagni pubblici, al fine di valutare i rischi potenziali di diffusione aerea e di contaminazione di microbi, soprattutto quando le mani non vengono lavate adeguatamente.

La ricerca, condotta da Emma L. Best del Dipartimento di Microbiologia dell’Old Medical School di Leeds e Keith Redway Professore emerito di Microbiologia e Biologia Molecolare presso l’Università di Westminster - Dipartimento di Scienze Biomediche, ha utilizzato 4 differenti metodi di asciugatura delle mani e 3 differenti modelli di test per confrontare le differenze tra i vari metodi di asciugatura e la loro capacità di diffondere microbi dalle mani degli utenti ad altre persone nei bagni pubblici.
Il confronto ha riguardato:
- un asciugamani in carta;
- un asciugamani a rotolo in tessuto;
- un asciugatore ad aria calda;
- un asciugatore a getto d aria.
I modelli di test sono stati:
- indicatore acido, con succo di limone;
- fermentazione;
- trasmissione di batteri da mani lavate senza sapone.

Dallo Studio è emerso che gli asciugatori a getto diffondono il liquido utilizzato per detergere le mani ad una distanza maggiore (fino a 1.5m) rispetto agli altri metodi di asciugatura, oltre ad aver fatto registrare livelli più elevati di diffusione dei microbi nell’aria, sia vicino che lontano, per ognuno dei modelli testati: una media di 59,5 colonie di lievito rispetto a una media di soli 2,2 colonie per i tovaglioli di carta.
Ad una distanza di 0,2 m, gli asciugatori a getto d’aria hanno fatto registrare 67 colonie di rispetto a solo il 6,5 dei tovaglioli di carta. Ad una distanza di 1,5 m l'asciugatore a getto d’aria ha registrato 11,5 colonie rispetto a zero dei tovaglioli di carta.
Inoltre, la ricerca ha esaminato l’altezza alla quale i microbi vengono dispersi, rilevando che la dispersione microbica massima avviene tra 0,6-0,9 m da terra. Questo effetto è preoccupante poiché si tratta di un’altezza che corrisponde al volto dei bambini che stanno accanto all’asciugatore quando il genitore lo sta utilizzando.

Questi risultati indicano chiaramente che l’asciugamani monouso è il metodo che diffonde il minor numero di microbi rispetto a tutti gli altri - ha affermato il Prof. Keith Redway - La contaminazione crociata nei bagni pubblici è una legittima preoccupazione per la salute pubblica. La misura in cui gli asciugatori a getto d’aria disperdono i microbi nell'ambiente dei bagni pubblici rischia di avere implicazioni per gli orientamenti politici dei gestori di strutture di una vasta gamma di ambienti, dagli impianti i sportivi e agli aeroporti, dagli istituti scolastici agli ospedali e case di cura”.

Per sintetizzare i risultati dello Studio è stato realizzato un video dal titolo: “Sai a cosa ti esponi quando ti asciughi le mani in un bagno pubblico?”.

I risultati di quest’ultima ricerca dell’Università di Westminster, basata su precedenti studi ricerca si basa su studi precedenti, come quello condotto lo scorso anno dall’Università di Leeds - ha dichiarato Roberto Berardi, Presidente della European Tissue Symposium (ETS) che ha commissionato la ricerca - si aggiungono al corposo elenco di prove che dimostrano come il metodo di asciugarsi le mani utilizzando gli asciugamani monouso sia associato al numero più basso di diffusione microbica sia sulle mani che nell’ambiente dei pubblici bagni rispetto a asciugatori che utilizzano l’aria calda o a getto”.
 

Commenta