Bandiera blu, prodotti di qualità, green economy e “stazione di biciclette”!

francavilla

Francavilla al Mare, quasi 25.000 abitanti, è un comune in provincia di Chieti, premiata “Bandiera Blu 2013” che sta portando avanti numerose e valide iniziative in tema ambientale con ottimi risultati, puntando ad esaltare e incrementare la qualità dei prodotti, la cultura ambientale dei cittadini, i servizi nel territorio e le bellezze marine e storiche della città.
Abbiamo intervistato il Sindaco di Francavilla al Mare, Antonio Luciani, che ci ha svelato anche qualche curiosità sul territorio e i progetti futuri per la città.


Sindaco, che tipo di politiche ambientali sta portando avanti l’Amministrazione e quali sono gli obiettivi del suo mandato?
Il nostro obiettivo è quello di diventare un comune virtuoso in particolar modo nel settore ambientale, tantissime sono le iniziative che stiamo portando avanti: dall’educazione ambientale, che coinvolge a pieno i ragazzi, alla raccolta rifiuti fino alla mobilità sostenibile e al tema energia.

Nel sito del Comune è presente un link molto interessante con il nome di “Terra amica” che riguarda la qualità dei prodotti del territorio… può spiegarci in maniera più specifica di che cosa si tratta?
È un nostro progetto molto importante. Essendo Francavilla un territorio principalmente vocato all’agricoltura abbiamo voluto creare questo marchio “Terra amica” che va proprio ad identificare i nostri prodotti di qualità che vengono addirittura serviti nelle mense scolastiche. In questo modo cerchiamo di diffondere il concetto di prodotti a km zero, affinché si possano ridurre al minimo i trasporti e le emissioni di CO2.
I prodotti che caratterizzano il territorio di Francavilla sono ad esempio il pomodoro “a pera” e un tipo di fragola che porta il nome della città che è la “fragola francavilla”

Qualche tempo fa è stato affrontato in un convegno qui a Francavilla al Museo Michetti il tema “green economy e i nuovi modelli di sviluppo” può riassumerci cosa è emerso e se ci sono novità?
La “green economy” è un tema a noi caro che deve coinvolgere e interessare maggiormente anche il cittadino. Non è possibile pensare che una città oggi continui ad espandersi senza avere limiti ben precisi, perché in questo modo diventa problematica la tutela del territorio. La metodologia costruttiva deve essere improntata su tematiche ambientali.
All’inizio del mio mandato abbiamo realizzato uno studio con l’Università degli Studi di Pescara da cui è emerso come il futuro dovrà essere quello della riqualificazione, quindi abbiamo ancora molto lavoro da fare e dovremo offrire anche strumenti adeguati ai cittadini per aiutarci in questo.

Com è la qualità dell’acqua a Francavilla e in che modo vengono effettuati i controlli?
I controlli sono effettuati periodicamente dall’ARTA. Le nostre acque sono eccellenti, abbiamo avuto dei problemi ma ora sono risolti. Mi sto battendo affinché l’acqua sia veramente considerata come bene pubblico e le società di controllo inizino a gestire il servizio in maniera più professionale in modo da non vedere più reti idriche che disperdono acqua e depuratori che non svolgono la loro funzione.
Qui a Francavilla è prevista l’apertura di un terzo depuratore, stiamo sollecitando ATO, ACA (Azienda Comprensoriale Acquedottistica ) e Regione Abruzzo affinché si possa completare presto quest’opera fondamentale per la città.

A quanto ammonta il fabbisogno energetico di una città come Francavilla?
Abbiamo ereditato alcuni problemi su questa tematica dalle precedenti amministrazioni. Francavilla ha 5000 punti luce ed ha un fabbisogno energetico solo per la pubblica illuminazione che ammonta a circa 700.000 euro per anno solare. Secondo studi fatti potremmo dimezzare questo fabbisogno energetico attraverso un intervento di riqualificazione sia delle reti che delle fonti energetiche e da poco stiamo redigendo uno studio di progettazione su tutto il territorio per poi arrivare ad una gara che ci consentirà la messa a norma e l’efficientamento di tutto l’impianto di pubblica illuminazione.

Come è stato gestito il servizio di raccolta dei rifiuti?
Con il servizio di raccolta differenziata curata dalla Co.Sve.Ga. siamo a buon punto; abbiamo coperto il 60% del territorio ed ora puntiamo al 100%. Lavoreremo anche sulla qualità della raccolta informando e sensibilizzando ancora di più il cittadino su questo aspetto, in quanto circa il 70% di quello che noi buttiamo ad esempio nell’indifferenziata può essere ancora riciclato. Ritengo, inoltre, necessario cominciare a premiare quei i cittadini che si impegnano nella raccolta. Siamo stati premiati dalla Regione Abruzzo con un assegno di 25.000 euro perché primi nelle cartoniadi, cioè nella raccolta di carta-cartone di qualità rispetto ad altri comuni. Con il ricavato del premio abbiamo intenzione di realizzare un parco pubblico.

Ci sono progetti che avvicinano maggiormente i cittadini al tema ambiente e a quello della mobilità sostenibile? È in corso un’iniziativa che si svolge ogni domenica qui a Francavilla…
Sì, per quello che riguarda la mobilità, essendo il nostro territorio principalmente pianeggiante con 7 km di costa, ogni domenica trasformiamo Francavilla in un isola ciclo-pedonale e questa è un’iniziativa molto apprezzata dai cittadini, anche se ancora in via sperimentale fino alla fine di novembre. Tuttavia, se funzionerà abbiamo intenzione di continuare con l'isola ciclo-pedonale per tutto l’anno. Un altro progetto importante è la creazione, con il sostegno della Regione Abruzzo, di una vera e propria “stazione di biciclette”.

Com'è la collaborazione su questi temi con gli istituti scolastici?
La collaborazione è attiva e costante, anche perché ritengo che sia fondamentale partire dalle scuole e dai ragazzi, perché recepiscono molto velocemente e sono molto attenti agli aspetti ambientali: sulla differenziata, ad esempio, è grazie agli studenti se siamo riusciti ad educare le famiglie nella gestione dei rifiuti, infatti dopo il pranzo nelle mense scolastiche viene data molta attenzione al modo in cui il rifiuto viene differenziato.

Un augurio ai suoi cittadini…
Finalmente questa città sta uscendo da un “tunnel”. All’inizio del mandato ho trovato molti problemi sotto l’aspetto economico, ma insieme ai cittadini e alla mia giunta stiamo facendo del nostro meglio per migliorare la città. Mi auguro che i cittadini collaborino sempre di più con le istituzioni anche in questo periodo di grande difficoltà per tutti.

Guarda l'intervista completa.