Si svolgerà domani alla giornata conclusiva della Fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile l'attesa presentazione della Settimana Europea di Riduzione dei Rifiuti (19-27 novembre 2016) nel corso della quale il Comitato promotore nazionale annuncerà il numero di azione validate di quest'anno sul tema della riduzione dell'impatto degli imballaggi (Packaging Waste Reduction: Use less packaging).

Come da tradizione, a Rimini, nel corso di ECOMONDO, la Fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, presso il Padiglione WASTE (B3) di Utilitalia (già Federambiente) l'11 novembre 2016 si svolgerà la Conferenza stampa di presentazione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR), che si terrà anche in Italia dal 19 al 27 novembre 2016.

L'elaborata Campagna di Comunicazione Ambientale promossa dall'Unione europea, al fine di promuovere tra i cittadini una maggior consapevolezza sulle eccessive quantità di rifiuti prodotti e sulla necessità di ridurli drasticamente, nata all'interno del Programma "LIFE+" e della quale anche quest'anno Regioni&Ambiente è media sponsor, è giunta alla VIII edizione.

Di anno in anno la Manifestazione ha coinvolto un numero sempre maggiore di istituzioni, imprese, associazioni, scuole e semplici cittadini nell'attuazione di politiche per la riduzione dei rifiuti, tanto che l'Italia con le migliaia di azioni validate si è confermata come il Paese al top in Europa per la comunicazione di prevenzione dei rifiuti.

Il Comitato promotore nazionale (CNI Unesco, Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Utilitalia, Anci, Città Metropolitana di Torino, Città Metropolitana di Roma Capitale, Legambiente e AICA, con E.R.I.C.A. Soc. Coop ed Eco dalle Città in qualità di partner tecnici) ha prorogato fino al 9 novembre 2016 la scadenza per registrarsi (inizialmente era stata prevista al 4 novembre) e proporre la propria azione.

Se ogni anno l'obiettivo della Campagna rimane lo stesso (prevenzione e riduzione dei rifiuti nel suo insieme, il riuso o la preparazione per il riuso dei prodotti e dei materiali, la raccolta differenziata, la selezione e il riciclo, ma anche la pulizia straordinaria di rifiuti abbandonati nell'ambiente), il tema centrale varia di anno in anno e per il 2016 è: la riduzione dell'impatto degli imballaggi ("Packaging Waste Reduction: Use less packaging"), a partire dall'ottimizzazione nell'uso di materiale per avvolgere/contenere i beni, grazie a un processo virtuoso di eco-design, fino al corretto riciclo degli stessi, in un'ottica di Economia Circolare.
L'accento è posto, quindi, sulle buone pratiche di raccolta differenziata; sulle filiere del riciclo, garantite da CONAI e dai Consorzi di Filiera (CiAl per l'alluminio, Comieco per la carta, Corepla per la plastica, Coreve per il vetro, Ricrea per l'acciaio e Rilegno per il legno) e sul minore ricorso a materie prime grezze, chiedendo ai partecipanti di sviluppare azioni che promuovano idee e abitudini finalizzate a ridurre i rifiuti prodotti, fin dalla fase di acquisto di beni, e/o a rendere migliore la raccolta differenziata e il riciclo più semplice, efficace ed efficiente.

I rifiuti da imballaggio sono un problema rilevante nei nostri modelli di consumo attuali, specialmente quando non correttamente separati e riciclati. Tuttavia, ridurre l'impatto dei rifiuti da imballaggio non sempre richiede così tanti sforzi e ognuno di noi può dare il proprio contributo.