È possibile produrre cibo accessibile, salutare e “verde”?

È possibile produrre cibo accessibile, salutare e “verde”?

In una intervista pubblicata sull’ultimo numero della Newsletter dell’Agenzia Europea dell’Ambiente, il responsabile del Gruppo di Lavoro dell’AEA, che opera sull’impatto  dell’utilizzo delle risorse sul benessere ambientale e umano, cerca di rispondere alla fondamentale domanda se sia possibile per l’Europa adottare un modello di agricoltura sostenibile per l’ambiente.

agricoltura UE green vegetables ue

L’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA) ha recentemente pubblicato il Rapporto sugli indicatori ambientali 2013 dove il sistema agro-alimentare viene indicato come uno dei sistemi con maggior impatto sull’ambiente.

Per produrre cibo in quantità sufficienti, l’Europa si affida all’agricoltura intensiva sia per far fronte all’aumento di popolazione (+20% nell’ultimo cinquantennio) sia per la riduzione della superficie agricola (-13% nello stesso periodo) per lo sprawl edilizio e le infrastrutture viarie, con conseguente aumento di uso di fertilizzanti e pesticidi. Anche se questa produzione intensiva permette all’UE di essere in gran parte autosufficiente per materie prime e prodotti quali carni, latticini, cereali, bevande principali, tuttavia provoca una serie di problemi ambientali, tra cui: eutrofizzazione; emissioni di gas ad effetto serra; inquinamento dell’aria e dell’acqua.
È possibile trovare un modello che sia sostenibile per l’ambiente?

A questa fondamentale domanda ha cercato di dare risposta Ybele Hoogeveen, Capo di un Gruppo dell’AEA che opera sull’impatto dell’utilizzo delle risorse sul benessere ambientale e umano, in un’intervista pubblicata sull’ultimo numero della quadrimestrale Newsletter dell’AEA.

Domanda: Come funziona il sistema agroalimentare e come si ripercuote su di noi?
Risposta: Il termine "sistema agroalimentare" interessa tutti i processi e l'infrastruttura realizzata per la produzione e il consumo del cibo. Comprende l'agricoltura, il commercio, la distribuzione al dettaglio, il trasporto e il consumo. Il cibo è un'esigenza umana di base. Oltre ad essere disponibile, il nostro cibo deve essere accessibile e di alta qualità, in altre parole: non contaminato e a prezzi accessibili.
Vi è un legame stretto tra il cibo e la salute e il benessere; sia la malnutrizione che l'obesità sono patologie direttamente collegate al cibo. Anche l'agricoltura contribuisce al cambiamento climatico e all'inquinamento idrico e atmosferico, i quali rappresentano potenziali minacce indirette alla salute e al benessere umani.
Andando più a fondo, l'agricoltura riveste anche un importante ruolo socio-economico. In molte comunità rurali è il comparto principale dell'economia locale, rappresenta uno stile di vita e un'interazione con la natura che offre un valore culturale e ricreativo. Il modo in cui produciamo il nostro cibo influisce sull'attrattività del paesaggio in cui viviamo.

Domanda: Sono osservabili delle caratteristiche e delle tendenze in Europa per quanto riguarda la produzione e il consumo di cibo?
Risposta: In generale, l'Europa dispone di sistemi di produzione agricoli moderni e di terreni adatti all'agricoltura. La produttività per ettaro è sensibilmente cresciuta, in particolare nella seconda metà del XX secolo. Data la sua diversità dei terreni agricoli e climatica, l'Europa produce numerosi prodotti diversi. Ma si affida anche alle importazioni, principalmente foraggio, frutta e verdura freschi, mentre esporta principalmente cibo lavorato.
Dal punto di vista dei consumi, vi sono stati dei cambiamenti di dieta negli ultimi anni. Ad esempio, il consumo di carne rossa è aumentato considerevolmente negli ultimi cinque decenni. Ma rispetto ai livelli del 1995, vi è una riduzione del 10% del consumo pro capite di carne di vitello. Dall'altro lato, gli europei mangiano più pollame, pesce, frutta e verdura.

Domanda: Quali sono le sfide che il sistema agro-alimentare europeo dovrà affrontare nei prossimi decenni?
Risposta: Vi sono due principali fonti di preoccupazione in Europa. La prima è di carattere socio-economico. L'urbanizzazione e gli stili di vita ad essa associati indicano che l'agricoltura è meno interessante come attività economica. Il numero di agricoltori in Europa sta calando e la loro età media sta aumentando. Mantenere le attività agricole, in particolar modo nelle aree a bassa produttività sta diventando difficile. Alcuni terreni agricoli sono stati abbandonati e ciò può avere conseguenze che vanno al di là dell'economia locale nelle aree in cui l'agricoltura aiuta effettivamente a preservare la natura.
La seconda è l'intensificazione, ossia l'ottenimento di maggiori rese per ettaro attraverso l'ampliamento di scala, la meccanizzazione, i sistemi di drenaggio, l'irrigazione e l'applicazione dei fertilizzanti e i pesticidi. Ciò aumenta la redditività e significa che abbiamo bisogno di meno terra per l'agricoltura. Dall'altro lato, riduce la biodiversità dei terreni coltivati e aumenta l'inquinamento del terreno, dei fiumi e dei laghi.
Anche il cambiamento climatico avrà un impatto sulla produttività agricola in Europa. Molti regioni potrebbero dover adattarsi ai cambiamenti relativi alle stagioni di crescita e alle precipitazioni.

Domanda: L’Europa può passare dall’agricoltura intensiva a quella estensiva. Quali sono le sfide che il sistema agro-alimentare europeo dovrà affrontare nei prossimi decenni?
Risposta: Passare a sistemi a bassa produttività è irrealistico e controproducente. Non ci possiamo permettere che l'agricoltura sia inefficiente, né dal punto di vista economico né da quello ambientale. Allo stesso tempo, dobbiamo ridurre l'inquinamento proveniente dall'agricoltura. Ciò pone un dilemma. Anche l'agricoltura biologica (senza pesticidi e fertilizzanti) può essere intensiva, ma si stima che abbia raccolti inferiori di circa il 20% rispetto all'agricoltura intensiva. Per continuare a produrre la stessa quantità di cibo, avremmo bisogno di destinare più terra all'agricoltura.
Anche questo passaggio avrebbe effetti a livello globale. Dal momento che l'UE è uno dei principali produttori ed esportatori di cibo, qualsiasi significativa riduzione della sua produzione avrebbe effetti sulla produzione globale e di conseguenza sui prezzi del cibo. L'aumento dei prezzi del cibo colpisce tutti i segmenti della popolazione, e le famiglie a reddito basso in particolare. Ciò sarebbe in conflitto con l'obiettivo di avere cibo accessibile e a prezzi sostenibili.

Domanda: Quale sarebbe uno scenario ideale?
Risposta: L'agricoltura sarà sempre una delle principali attività umane che hanno un impatto sull'ambiente. Tuttavia, è possibile ridurre questi impatti in molti modi. Una transizione verso sistemi a basso input (ad esempio utilizzando tecniche agricole biologiche o di precisione) sembra essere la soluzione più equilibrata per il futuro.
Probabilmente non sarà sufficiente migliorare la produzione, considerata la crescente domanda globale di cibo, di fibre e di energia. Abbiamo bisogno di aumentare l'efficienza di altri comparti del settore agro-alimentare, come il trasporto, la distribuzione al dettaglio e il consumo.
Vengono utilizzate ampie aree di terreno per produrre foraggio, per alimentare il bestiame e produrre carne. Un cambio di dieta che riduca il consumo di carne e aumenti quello di verdura ridurrebbe sicuramente la pressione sull'utilizzo globale della terra. Oppure, si prenda l'esempio degli sprechi alimentari. In Europa viene gettato tra il 30 e il 40% del cibo prodotto. Lo spreco di cibo inizia sul campo, continua durante il trasporto, nella distribuzione al dettaglio e termina nelle nostre case. In ciascuna di queste fasi, sprechiamo la terra, l'acqua e l'energia utilizzate per del cibo che non consumiamo neppure.
La politica agricola comune dell'UE svolge un ruolo fondamentale in questo ambito. Le recenti riforme hanno in larga misura tagliato il collegamento tra i pagamenti agli agricoltori e la loro produzione. Ora occorre dimostrare la conformità con le norme in materia ambientale per avere un supporto finanziario ed è obbligatorio attuare misure agro-ambientali. Sebbene ciò abbia aiutato a ridurre la sovrapproduzione e la pressione sull'ambiente, è possibile fare molto, ad esempio, per ridurre la dipendenza dai fertilizzanti e dai pesticidi minerali.
Per l'utilizzo dei terreni l'agricoltura è anche in concorrenza con l'energia (biocarburanti), l'edilizia e le aree urbane. Una migliore pianificazione degli spazi (dove avere l'agricoltura intensiva, dove mantenere un'agricoltura estensiva a basso input) aiuterebbe a usare la terra in modo più efficiente e a ridurre l'esposizione umana alla pressione ambientale.

Commenta