Dal risciò eco sostenibile all’esenzione dal bollo auto: ecco le iniziative per sottolineare il valore aggiunto di un’auto dal cuore verde

Dal risciò eco sostenibile all’esenzione dal bollo auto: ecco le iniziative per sottolineare il valore aggiunto di un’auto dal cuore verde

Considerando i gravi danni ecologici arrecati all’ambiente dalla moltitudine di automobili circolante in tutto il mondo, il valore di un’auto dovrebbe essere calcolato partendo dalla tecnologia di propulsione e dal suo conseguente impatto sulla salute dell’uomo e del territorio circostante.

auto verde 1

Rincuora l’aumento della sensibilizzazione su questo tema tra gli automobilisti stessi, i quali iniziano a porsi la domanda “quanto vale la mia auto” non solo in senso stretto, ma anche nell’ottica del suo valore intrinseco ed ecologico quando affrontano la scelta della prossima auto da acquistare, spingendo allo stesso tempo le case automobilistiche ad aumentare la produzione di versioni ibride tra i propri modelli.

I fautori delll’effetto domino a favore di una cambiamento di tendenza verso una produzione di veicoli più consapevole e “verde” - oltre ai consumatori finali - devono essere anche e in primo luogo i governi e le amministrazioni, lanciando iniziative virtuose e che siano da esempio anche per gli altri Paesi.

Ed è così che dando uno sguardo all’Europa si scoprono progetti sempre più fantasiosi e dal cuore verde. Partendo da Bruxelles, città simbolo e centro decisionale della politica europea, passeggiando per le strade del centro si potrebbe respirare non più aria al gusto di catrame, bensì un’aria quasi “indiana”, brulicante di risciò al servizio di cittadini e turisti e ottima alternativa ai taxi. Dobbiamo aspettarci a breve bandi di concorso per ciclisti esperti? Sfortunamente - forse solo per i più volenterosi - no, perché a scarrozzare in qua e in là curiosi turisti e frenetici abitanti della capitale belga saranno risciò con motore elettrico, battezzati Mobiloo. In poche parole si tratta di un’Ape Car modificato, in grado di raggiungere i 40 km/h e di trasportare - autista incluso - fino a tre persone al costo pari a quello di una corsa in autobus.



auto verde 2

Un’idea senza dubbio originale che, se ulteriormente sviluppata e diffusa anche nelle altre città europee, potrebbe rappresentare un ulteriore tassello all’interno del mosaico della mobilità urbana eco-compatibile.

In Italia intanto applaudiamo l’aumento dei progetti di car-sharing e car-pooling e le iniziative di incentivazione all’acquisto di auto più ecologiche che stanno partendo da diverse regioni, di cui citiamo la Toscana, la quale ha introdotto, con la legge finanziaria per il 2015, l’esenzione triennale del bollo auto per i veicoli nei quali verrà installato l’impianto a gpl o a metano entro il 2015.

Commenta