Cosa fare per contribuire a rallentare e ridurre la perdita di biodiversità #6

Cosa fare per contribuire a rallentare e ridurre la perdita di biodiversità #6

Proseguiamo la pubblicazione dei “52 Consigli per la Biodiversità”, la Guida pratica della DG-ENV della Commissione UE, che offre a tutti gli individui, specialmente ai più giovani, l’opportunità di applicare nella loro vita quotidiana azioni semplici, ma in grado di fare la differenza.
Per i consigli delle precedenti puntate.

suggerimenti biodiversita

Consiglio n. 17
Riduco il mio consumo di acqua potabile
L’acqua è indispensabile per l’equilibrio del pianeta e dei suoi abitanti, sia animali sia vegetali: ce n’è abbastanza per tutti, ma sfortunatamente è mal distribuita e spesso mal gestita. Nelle nostre zone, basta aprire il rubinetto e il gioco è fatto: è per questo che utilizziamo l’acqua potabile per qualsiasi cosa, anche per lavare l’auto!
Per farne economia, potete invece annaffiare le piante con l’acqua piovana (meglio se di sera, per evitare l’evaporazione), nonché recuperare le acque reflue domestiche (l’acqua dei piatti, della vasca da bagno o della doccia) per l’alimentazione dello sciacquone, per la pulizia dei pavimenti e addirittura, dopo averla filtrata, per annaffiare.

riduco consumo acqua potabile

Consiglio n. 18
Chiedo al mio comune di impegnarsi nel giardinaggio ecologico
Alcuni comuni si sono già impegnati a rinverdire e gestire i bordi stradali e le aiuole al fine di favorire la biodiversità.
Se il vostro ancora non l’ha fatto, suggerite all’autorità competente alcuni principi di facile applicazione: ad esempio, piantare soltanto specie locali (per quanto riguarda le piante da fiore, le specie perenni richiedono meno lavoro di quelle annuali), sostituire i pesticidi e i fertilizzanti chimici con i loro corrispondenti biologici, utilizzare pacciamature e piante coprisuolo per limitare la presenza di malerbe e diminuire la necessità di annaffiatura, compostare l’umido e utilizzare il fertilizzante ottenuto per nutrire i suoli in autunno nonché adottare il metodo della falciatura tardiva preservando in tal modo qualche area rifugio per gli animali.

giardinaggio biologico

Consiglio n. 19
Partecipo alla Giornata Mondiale della Biodiversità
Proclamato “Giornata mondiale della biodiversità” dalle Nazioni Unite, il 22 maggio rappresenta un’occasione per sensibilizzare il grande pubblico e il mondo della politica in merito alla biodiversità, alla sua situazione attuale, alla posta in gioco, alle minacce che deve affrontare e alla sua tutela.
Ogni anno viene proposto un tema differente: la biodiversità e l’agricoltura nel 2008, le specie esotiche invasive nel 2009, la biodiversità e lo sviluppo nel 2010, la biodiversità e le foreste nel 2011, la biodiversità e gli ecosistemi marini nel 2012, la biodiversità e gli ambienti acquatici nel 2013.
Celebrate questa giornata partecipando alle attività in programma (esposizioni, conferenze ecc.) oppure organizzate voi stessi un picnic biologico, una passeggiata alla scoperta della fauna e della flora locali,
un concerto di musica “verde” o altro ancora.
Per saperne di più: www.cbd.int

giornata mondiale biodiversita

Consiglio n. 20
Divento un ecovolontario
Avete voglia di dedicare alla tutela della biodiversità le vostre vacanze all’estero? Allora diventate ecovolontari!
Oltre ad avere la possibilità di scoprire e visitare luoghi inaccessibili ai normali turisti, aiuterete attivamente le associazioni per la tutela della natura a svolgere attività di ricerca o di conservazione. Non c’è bisogno di essere un esperto in biologia o scienze ambientali: le attività proposte sono alla portata di tutti.
E allora cosa ne dite, ad esempio, di censire i cetacei nel Mediterraneo, di proteggere gli orsi in Romania, di studiare le popolazioni di grandi squali bianchi in Sud Africa, di partecipare alla rieducazione dei gibboni, dei macachi e dei lori in Thailandia o di promuovere l’agricoltura biologica in India?divento ecovolontario

Illustrazioni di Claude Desmedt (Fonte: Institut Royale de Sciences Naturelles de Belgique)


(continua)

Commenta