Come scegliere le tecnologie per il risparmio energetico domestico

Come scegliere le tecnologie per il risparmio energetico domestico

MCE Lab, l’Osservatorio sul vivere sostenibile promosso da MCE - Mostra Convegno Expocomfort, ha diffuso una Guida per destreggiarsi tra le tante soluzioni disponibili per una casa energeticamente più efficiente, con l’indicazione dell’entità dell’investimento economico, dei tempi di recupero e le possibilità di ottimizzazione dello stesso negli anni.

casa energeticamente efficiente

Per orientare i consumatori nella ricerca di soluzioni presenti sul mercato, MCE Lab, Osservatorio sul vivere sostenibile promosso da MCE - Mostra Convegno Expocomfort, propone una Guida che illustra in modo sintetico e immediato le tecnologie domestiche per l’efficienza energetica, da quelle di generazione distribuita delle fonti rinnovabili a tecnologie capaci di integrare più soluzioni, arrivando a indicare l’entità dell’investimento economico, dei tempi di recupero e le possibilità di ottimizzazione dello stesso negli anni.

La Guida trae origine dallo studio “L’utente finale e le tecnologie di risparmio energetico”, commissionato all’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano da MCE e illustrata durante la Conferenza stampa di presentazione della 40a edizione di Mostra Convegno Expocomfort, la Manifestazione fieristica di REDD Exibitions, dedicata a impiantistica civile e industriale, climatizzazione ed energie rinnovabili, che si terrà in Fiera Milano dal 15 marzo al 18 marzo 2016.

Confrontando le soluzioni proposte, integrate e non, in base al tempo di ritorno dell’investimento (pay-back) e al costo dell’energia elettrica e termica, si evince come le pompe di calore, con un costo dell’energia a 0,09 euro/kWh, possano in soli 3 anni avere un ritorno sull’investimento, mentre fra le soluzioni di generazione distribuita, è il solare termico che spicca per il tempo di pay-back più veloce: sono sufficienti 1,5-2 anni con un costo dell’energia di 0,03 euro/kWh. Il solare fotovoltaico necessita di un arco di tempo fra i 7-9 anni, con un costo dell’energia di 0,13 euro/kWh. Superano invece i 3 anni di pay-back tutte le soluzioni integrate, maggiormente impiegate per le utenze multiple o condominiali, nelle quali giocano un ruolo importante fattori quali la dimensione dell’intervento, la maggiore propensione all’efficientamento energetico dello stabile e la ripartizione del costo iniziale tra più condomini.

Tecnologie per l’efficienza energetica che consentono elevate opportunità di risparmio

Pompe di calore
- Costo: per un’abitazione “tipo” l’investimento necessario varia da 6.000 a 8.000 euro.
- Tempo di pay-back: 2-3 anni.
- In sintesi: il basso costo di funzionamento e le detrazioni fiscali dal 36% al 50% ne hanno agevolato il trend di crescita.

Sistemi di building automation
- Costo: questi sistemi di supervisione sui consumi elettrici e termici di un’utenza energetica necessitano di un budget 2.000 e 7.000 euro.
- Tempo di pay-back: 6-8 anni.
- In sintesi: consentono un risparmio energetico residenziale dal 10 al 20%. Sono una tecnologia matura e diffusa commercialmente, presentando opportunità di risparmio significative, pur con un elevato costo di investimento iniziale per l’acquirente.

Caldaie a condensazione
- Costo: soddisfano il fabbisogno di climatizzazione invernale e acqua calda sanitaria con un range di spesa fra i 1.500 e i 3.500 euro.
- Tempo di pay-back: 6-7 anni
- In sintesi: in media il rendimento oggi in commercio varia tra il 105% e il 109%, contro il 90-93% delle caldaie convenzionali. Al pari dei sistemi di BA, le caldaie a condensazione sono una tecnologia matura e diffusa commercialmente e presentano opportunità di risparmio significative, pur con un elevato costo di investimento iniziale per l’acquirente.

Tecnologie di generazione distribuita da fonti rinnovabili

Solare fotovoltaico
- Costo: prevede un investimento da un minimo di 6.000 euro, con i moduli tradizionali, fino a 18.000 euro con moduli a film sottile, producendo mediamente 3.600 kWh/anno.
- Tempo di pay-back: 6-7 anni.
- In sintesi: il trend di penetrazione del solare fotovoltaico è ora in fase di stabilità, dopo il grande “boom” di installazioni che si è registrato tra il 2009 e il 2010. Rappresenta comunque un’opportunità di medio-lungo termine per il consumatore: un impianto da 1kWp può produrre il 40% dei consumi elettrici medi di una famiglia di 3-4 persone.

Mini eolico
- Costo: sono ancora in una prima fase di commercializzazione e prevedono una spesa che può partire dai 30.000 euro per una produzione minima di 10 kW, fino ad arrivare a un massimo di 35.000 euro tra i 10 e 20 kW e produce mediamente 10.000 kW annui.
- Tempo di pay-back: 5-7 anni.
- In sintesi: le soluzioni di mini (micro) eolico sono tecnologie attualmente in fase di prima commercializzazione a livello residenziale, non molto diffuse nel mercato nazionale, poiché caratterizzate da investimenti importanti e complesse procedure autorizzative a cui è necessario sottostare per l’installazione e l’utilizzo di tali impianti.

Solare termico
- Costo: dipende dal tipo di collettore installato, ma anche qui si spazia da un minimo di 75 euro/mq per arrivare, con l’installazione di prodotti più avanzati a 550 euro/mq, con una produzione media di 600 kW/mq per anno. Ha un basso costo di funzionamento, anche se non è supportato da un adeguato sistema incentivante.
- Tempo di pay-back: 5-7 anni.
- In sintesi: un impianto di 4 mq, ideale per una famiglia di 3 persone, permette di evitare l’emissione di oltre 1.500 kg di CO2 l’anno e riesce a coprire circa il 70% del fabbisogno medio di acqua calda sanitaria della famiglia. Utilizzato anche per il riscaldamento, può arrivare a coprire fino al 30% del consumo termico complessivo della casa (acqua calda sanitaria + riscaldamento).

Caldaie a biomasse
- Costo: rientrano in una forbice di spesa fra i 2.500 e i 5.000 euro. Elementi di forza: basso costo di funzionamento e possibilità di detrazione fiscale dal 36 al 50%.
- Tempo di pay-back: 4-6 anni.
- In sintesi: si stima che la sostituzione di una caldaia tradizionale con una caldaia a pellet possa produrre un risparmio tra 300 e 1.000 euro/anno, con un tempo di ritorno pari a 4-6 anni, grazie all’accesso agli incentivi.

Sistemi di microgenerazione
- Costo: la spesa si aggira intorno a 2.500-3.500 euro/kWe installato (1 kW/el e 2,8 kWth).
- Tempo di pay-back: 6-7anni.
- In sintesi: I sistemi di cogenerazione garantiscono rendimenti dell’85% sull’utilizzo di combustibile primario, con conseguenti risparmi di combustibile utilizzato di circa il 35-40% rispetto ai sistemi convenzionali di produzione separata. Come il mini-eolico, anche la micro-cogenerazione è una tecnologia attualmente in fase di prima commercializzazione a livello residenziale, non molto diffusa nel mercato nazionale, poiché caratterizzata da investimenti importanti e complesse procedure autorizzative a cui è necessario sottostare per l’installazione e l’utilizzo di tali impianti.

Soluzioni integrate
Tra le soluzioni tecnologiche presenti sul mercato ci sono quelle integrate di più sistemi, in particolare si tratta di 6 possibilità di combinazione con differenti funzionalità di produzione di energia sia elettrica sia termica.

Solare fotovoltaico + Pompa di calore
- Costo: L’investimento varia da 12.000 ai 20.000 €.
- Tempo di pay-back: 5-7anni.
- In sintesi: ipotizzando le condizioni di abitazione definite in precedenza, il consumo elettrico totale della sola pompa di calore è coperto per il 60% dalla produzione fotovoltaica.

Solare fotovoltaico + Pompa di calore + Sistemi di accumulo elettrico con batterie
- Costo: l’investimento varia da 12.000 ai 20.000 euro.
- Tempo di pay-back: 16-22 anni.
- In sintesi: questa soluzione presenta un elevato costo di investimento iniziale, dovuto principalmente all’elevato costo dei sistemi di accumulo attualmente presenti nel mercato. Un futuro sistema incentivante per i sistemi di accumulo elettrico potrà rendere questo tipo di soluzione integrata più sostenibile economicamente.

Solare fotovoltaico + Pompa di calore + Sistemi di accumulo elettrico con batterie + E-Mobility
- Costo: l’investimento varia da 18.000 ai 30.000 euro.
- Tempo di pay-back: 20-25 anni.
- In sintesi: soluzione che permette di integrare più funzioni, dall’alto costo iniziale, ma che consente un autoconsumo che sale addirittura fino all’85%.

Solare termico + caldaia a condensazione
- Costo: l’investimento varia da 6.000 a 12.000 euro.
- Tempo di pay-back: 6-7 anni.
- In sintesi: Consente risparmi e vantaggi energetici grazie al rendimento termico maggiore del 15% rispetto a una caldaia tradizionale.

Solare fotovoltaico + Caldaia a condensazione + Sistemi di accumulo elettrico con batterie
- Costo: l’investimento necessario varia da un minimo di 10.000 euro ad un massimo di 16.000 euro.
- Tempo di pay-back: 16-22 anni.
- In sintesi: questa soluzione presenta un elevato costo di investimento iniziale, dovuto principalmente all’elevato costo dei sistemi di accumulo attualmente presenti nel mercato. Un futuro sistema incentivante per i sistemi di accumulo elettrico potrà rendere questo tipo di soluzione integrata più sostenibile economicamente.

Elettrodomestici bianchi + Building automation
- Costo: l’investimento iniziale spazia tra i 5.000 e i 10.000 euro.
- Tempo di pay-back: 10-12 anni.
- In sintesi: permette efficienza energetica, sicurezza, comfort e convenienza economica.

Commenta