Aria e acqua purissime nel Comune marchigiano di Cagli

Aria e acqua purissime nel Comune marchigiano di Cagli

Un territorio assai esteso dove le risorse non mancano e l’attenzione all’ambiente è alta. Unico ostacolo gli scarsi fondi economici comunali.

cagli

Uno straordinario territorio come ampiezza e potenzialità, il terzo come estensione in tutta la Regione. Un territorio difficile da guidare con gli scarsi mezzi economici a disposizione dei Comuni.
Patrizio Catena, primo cittadino di Cagli, sottolinea questo contrasto, al quale il singolo amministratore, benché sindaco, non riesce a fare fronte nonostante tutta la buona volontà.
Catena ci riceve in una bellissima stanza, il suo studio da sindaco, risalente al XIII secolo. Una suggestiva atmosfera ora custode delle scelte degli amministratori.


Le risorse naturali, turistiche e ambientali del nostro territorio sono potenzialmente incredibili – commenta il sindaco – e la salvaguardia dell’ambiente in questo contesto sono in primo piano”.
Ciò che manca qui, come negli altri Comuni, sono i fondi.


La qualità di aria e acqua sono invidiabili, di ottima qualità – prosegue Catena – grazie alla presenza, per quanto riguarda l’acqua, del Pozzo del Burano, tanto che ricorriamo all’utilizzo del cloro solo in casi di necessità”.


Nel campo dell’utilizzo delle energie alternative poco è stato fatto materialmente, anche se molto pensato, ma la responsabilità è ancora una volta delle risicate risorse economiche “È nostra intenzione - continua Catena – realizzare un impianto fotovoltaico. Anche se non mi piacciono i fotovoltaici a terra penso che si potrebbe anche sacrificare qualche metro quadrato di terreno pur di offrire servizi qualitativamente migliori”.


L’avvio del servizio di raccolta differenziata è recente, ma già sta producendo risultati soddisfacenti.
Abbiamo iniziato nel 2011 ma i cittadini hanno risposto molto bene, tanto che in un anno il risultato è raddoppiato. Il merito va naturalmente alla sensibilità dei nostri concittadini. Noi da parte nostra abbiamo provveduto a una informazione puntuale e capillare.
Per ora è stata scelta la raccolta di prossimità perché la riteniamo idonea alle nostre esigenze”.
I rifiuti industriali, invece, possono contare su un’area dove lo smaltimento è affidato a una società specializzata che gestisce il servizio.
Non mancano comunque attività industriali che si preoccupano di smaltire privatamente.


Commenta