Aperta la XVIII edizione di ECOMONDO

Aperta la XVIII edizione di ECOMONDO

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha inaugurato stamane la Fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, in svolgimento fino all’8 novembre 2014 a Rimini Fiera in contemporanea a Key Energy, Key Wind, Cooperambiente e H2R.
Hanno preso il via contestualmente gli Stati Generali della Green Economy, organizzati dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e quello dello Sviluppo Economico, che si concluderanno domani con l’intervento del Ministro del Lavoro Giuliano Poletti.

ecomondo inaugurazione


È stata inaugurata questa mattina con il taglio del nastro da parte del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Gian Luca Galletti la XVIII edizione di ECOMONDO, la Fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile che si svolge a Rimini Fiera, in contemporanea con Key Energy (Fiera internazionale per l'energia e la mobilità sostenibile), Key Wind (Salone dell'energia del vento), Cooperambiente (Salone del sistema cooperativo legato all'ambiente) e H2R (Salone dedicato alla Mobilità sostenibile).

Per questa edizione, ha sottolineato il Presidente di Rimini Fiera Lorenzo Cagnoni, sono attesi oltre 90 mila visitatori e operatori da tutto il mondo, in particolare dell'area Euro-Mediterranea nella quale la Manifestazione ha assunto un ruolo guida, diventando non solo la piattaforma tecnologica di riferimento sull´economia del futuro, con particolare attenzione alle principali strategie europee ed internazionali sull´ecoinnovazione e la trasformazione dei rifiuti in risorsa, ma anche hub qualificato di formazione e informazione.

Il Ministro Galletti, intervenuto subito dopo, ha ricordato che ECOMONDO è diventata "adulta" con il compimento del 18° anno, e che le imprese presenti durante questi anni alla Manifestazione avevano capito che il percorso da intraprendere per lo sviluppo economico non può essere disgiunto dal rispetto dell'ambiente.
"Le uniche aziende che durante la crisi hanno non solo tenuto, ma hanno aumentato fatturato e posti di lavoro sono state quelle legate alla cosiddetta green economy - ha dichiarato il Ministro dell'Ambiente - Non solo le imprese della green economy, ma tutta l'economia deve essere rispettosa dell'ambiente. Solo le imprese che saranno in grado di passare velocemente da un'economia lineare ad un'economia circolare saranno competitive sul mercato".
Rifacendosi al viaggio che ha appena concluso in Cina, Galletti ha osservato che in quell'area si aprono spazi di mercato importanti per le imprese quali quelle presenti alla Fiera di Rimini che dimostrano di avere know-how tecnologico e cultura ambientale, in grado di supportare quel Paese per uscire dalla difficile situazione di crisi ecologica, conseguente la tumultuosa crescita economica di questi ultimi decenni.

Subito dopo l´inaugurazione, in Sala Neri, il Ministro ed Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, hanno aperto gli Stati Generali della Green Economy, organizzati dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente e quello dello Sviluppo Economico, che quest’anno hanno per tema “Lo sviluppo delle imprese della green economy per uscire dalla crisi italiana".

I lavori amplificheranno i contenuti sviluppati nel corso dell´anno da 67 associazioni di imprese impegnate nel settore ambientale. Nella sessione conclusiva, domani, interverrà il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, atteso ad un incontro al quale prenderanno parte, fra gli altri, anche il Presidente di Terna Catia Bastioli, l'Amministratore delegato di Trenitalia Vincenzo Soprano, il Segretario Generale della FIOM CGIL Maurizio Landini che sul tema ha dichiarato che "si può favorire la crescita dell'occupazione nell'industria metalmeccanica e qualificarla nelle nuove filiere della green economy e delle fonti rinnovabili".

Commenta