A Consultazione la Direttiva sull’efficienza energetica (2012/27/UE)

A Consultazione la Direttiva sull’efficienza energetica (2012/27/UE)

C’è tempo fino al 29 gennaio 2016 per partecipare alla Consultazione della Commissione UE sulla nuova Direttiva per l’Efficienza Energetica (prevista nel secondo semestre del 2016), rivolta alle Autorità degli Stati membri, parti interessate del Mercato dell’energia e le loro Associazioni, PMI, ONG, e a tutti gli altri soggetti interessati, compresi i semplici cittadini.

consultation energy efficiency directive

Nella Strategia quadro “Unione dell’Energia”, la Commissione UE aveva preannunciato:
- un riesame della Direttiva sull'efficienza energetica degli edifici (EPBD 2010/31/UE);
- un riesame della Direttiva sull'efficienza energetica (EED 2012/27/UE);
- un nuovo Pacchetto sulle energie rinnovabili per il periodo 2020-2030 che avrebbe incluso una revisione della Direttiva sulla promozione dell’uso di energia da fonti rinnovabili (RED 2009/28/CE), e un aggiornamento delle politiche dell’Unione sulla sostenibilità delle bioenergie.

Il 18 novembre 2015, è stata pubblicata la Comunicazione “Stato del dell’Unione dell’Energia” che contiene un aggiornamento anche sulla traiettoria verso l’obiettivo al 2020 del 20% di efficienza energetica, accompagnato da una scheda per ogni Paese membro. Per l’Italia vi si legge che “Anche se l’attuale consumo di energia primaria sia al di sotto del limite… posto ad un livello tale da consentire la crescita dei consumi nei prossimi anni… sono necessari notevoli sforzi per mantenere a questo livello il consumo di energia primaria per disaccoppiarlo dagli aumenti di PIL previsto nel prossimo quinquennio”.

Per avere una visione quanto più condivisa sul futuro dell'energia in Europa, la Commissione ha aperto una fase di consultazione:
- per la revisione della Direttiva EPB, la consultazione si è conclusa il 31 ottobre;
- per il Pacchetto sulle rinnovabili, è in corso la consultazione (scadenza 10 febbraio 2016) sulla revisione della Direttiva RED per adeguarla al nuovo obiettivo vincolante del 27% al 2030, mentre l’aggiornamento delle politiche dell’Unione sulla sostenibilità delle bioenergie, sarà oggetto di una Consultazione non ancora lanciata;
- è in corso anche la Consultazione sulla Direttiva sull’efficienza energetica, limitatamente ad alcuni articoli della stessa, vista la più recente attuazione, che scade il 29 gennaio 2016.

Il riesame della Direttiva EED è di fondamentale importanza, in quanto nella sopra richiamata Strategia “Europa dell’Unione” la Commissione UE ha invitato gli Stati membri a considerare l’efficienza energetica come fonte energetica a pieno titolo. Inoltre, il Consiglio europeo ha approvato il Pacchetto “Clima ed Energia al 2030”, che prevede di raggiungere l’obiettivo di risparmiare almeno il 27% dell’energia entro il 2030.

Da diverso tempo l'UE attua politiche in materia di efficienza energetica che hanno prodotto risultati tangibili sia dal punto di vista climatico, con la riduzione delle emissioni, sia sul piano socio-economico, con l’incremento di posti di lavoro. Grazie  agli strumenti legislativi adottati negli ultimi anni, gli Stati membri hanno compiuto progressi significativi in termini di risparmio energetico, contribuendo così agli obiettivi della politica in materia di energia e clima fissati per il 2020.

Considerata la recente data di attuazione della Direttiva sull’efficienza energetica, la consultazione si concentra sull’esame dei seguenti elementi della Direttiva:

- articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) e articolo 3 (Obiettivi di efficienza energetica): come richiesto dal Consiglio europeo dell'ottobre 2014, che ha approvato l’obiettivo dell’UE di risparmiare almeno il 27% dell’energia entro il 2030 rispetto alle proiezioni e ha chiesto alla Commissione di riesaminare l’obiettivo entro il 2020" tenendo presente un livello di risparmio UE del 30%";

- articolo 6 (Acquisto da parte di enti pubblici di edifici, beni e servizi efficienti sotto il profilo energetico): come richiesto dall’obbligo di segnalazione di cui all’articolo 24, paragrafo 8, di riesaminare l’efficacia dell'attuazione dell’articolo 6;

- articolo 7 (Regimi obbligatori di efficienza energetica): come richiesto dall’obbligo di segnalazione di cui all’articolo 24, paragrafo 9, relativamente all’applicazione dell’articolo 7 e dalla necessità di affrontare il periodo obbligatorio, che scadrà dopo il 2020;

- articoli 9-11 (Misurazione, informazioni sulla fatturazione e costi dell’accesso alle informazioni sulla misurazione e sulla fatturazione): gli aspetti riguardanti i consumatori contemplati da questi articoli sono affrontati anche nell'iniziativa lanciata in parallelo su una nuova organizzazione del mercato interno e su un "new deal" per i consumatori di energia;

- articolo 20 (Fondo nazionale per l'efficienza energetica, finanziamento e supporto tecnico): il Fondo europeo per gli investimenti strategici (piano Junker) pone l’accento sull’importanza di affrontare le carenze di mercato per gli investimenti in efficienza energetica;

- articolo 24 (Presentazione di relazioni, riesame e monitoraggio dell’attuazione): per tenere conto del nuovo sistema di governance che sarà introdotto nell’ambito dell’Unione dell’energia in vista del quadro 2030, attualmente in fase di elaborazione in parallelo a questa iniziativa.

Le domande della consultazione riguardanti gli articoli elencati sopra sono formulate in modo da rispettare le prescrizioni del pacchetto “Legiferare meglio” adottato di recente e garantire che i risultati della consultazione servano a due processi paralleli: in primo luogo, per valutare se le misure pertinenti sono efficienti, efficaci e coerenti con il più ampio quadro legislativo dell’UE e, in secondo luogo, individuare le opzioni politiche più appropriate da prendere in considerazione per esaminare aspetti specifici della direttiva sull'efficienza energetica quale parte della valutazione d’impatto.

Visto il contesto, la parte I contiene domande generali destinate al grande pubblico, mentre la parte II propone una serie di domande tecniche riservate a un pubblico di specialisti del settore. I partecipanti sono invitati a rispondere alle domande delle due parti che ritengono pertinenti.

Gli interessati a partecipare alla Consultazione sono invitati a rispondere entro il 29 gennaio 2016 al questionario (in inglese) che può essere scaricato dal sito della Direzione Energia della Commissione dove è possibile acquisire anche la relativa documentazione.

Commenta