Caricamento...

Type to search

Condividi

Messo a punto dal Dipartimento Unità per l’Efficienza Energetica dell’ENEA nell’ambito della collaborazione con l’Ong Green Cross per la Campagna nazionale “Italia in classe A”, il Decalogo sul consumo energetico intelligente, volto a sensibilizzare cittadini e studenti a un uso consapevole di energia, è parte di una guida didattica con materiali di approfondimento per aiutare insegnanti e ragazzi ad adottare comportamenti virtuosi.

A chi non è capitato di uscire da una stanza senza spegnere la luce, di leggere tenendo il televisore acceso anche se non serve, di lasciare il computer in funzione inutilmente?

La fretta, talvolta la pigrizia, ci inducono a sprecare energia, alleggerendo il portafoglio. Ma ridurre i consumi e tutelare l’ambiente è semplice: basta seguire il “Decalogo del consumo intelligente” messo a punto dal Dipartimento Unità Efficienza Energetica dell’ENEA(Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e Green Cross Italia, ONG della rete Green Cross International che si propone di aiutare ad assicurare un futuro equo, sostenibile e sicuro per tutti attraverso l’incoraggiamento del cambiamento dei valori e lo sviluppo di un nuovo senso di interdipendenza globale e responsabilità condivisa nelle relazioni umane con la natura.

Il Decalogo sul consumo energetico intelligente è nato nell’ambito della collaborazione tra ENEA e Green Cross Italia per la Campagna nazionale sull’efficienza energetica “Italia in classe A” e il Concorso nazionale di educazione ambientale “Immagini per la Terra” che viene organizzato da 25 anni per portare nelle scuole italiane di ogni ordine e grado i temi dell’ecologia e della sostenibilità, e che quest’anno è dedicato al tema dell’energia: “Energia Libera Tutti”, la cui scadenza è stata prorogata al 30 aprile 2018 (qui il Bando).

Il Decalogo ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini e, in particolare, gli studenti a un uso consapevole dell’energia, suggerendo piccoli cambiamenti nei gesti di tutti i giorni, per usare meglio l’energia e per ridurne gli sprechi a scuola e a casa.

Secondo gli esperti del Dipartimento Unità Efficienza Energetica di ENEA, il 10% dei consumi di un apparecchio sono imputabili allo stand-by, mentre il PC è uno di quegli elettrodomestici che assorbe dai 3W a 6W anche da spento. I 10 consigli chiedono a tutti un impegno: un consumo energetico intelligente , senza per questo rinunciare al comfort e ai servizi a cui siamo abituati.

Decalogo del consumo energetico intelligente

1) Suggerisci l’acquisto di prodotti in classe energetica A o superiore e con certificazioni “energystar” ed “ecolabel”. I recenti monitor a LED consumano fino al 70% di energia in meno rispetto ai monitor LCD (a cristalli liquidi).

2) Accendi solo l’apparecchio che ti serve e spegni gli apparecchi staccandoli dalla presa elettrica. Anche se ti fanno compagnia, quando studi o leggi non serve avere computer, stereo e televisore acceso. Se li tieni spenti, userai meno energia e sarai più concentrato nello studio.

3) Attiva le funzioni “risparmio energia” e disattiva il “salvaschermo”. Nei moderni schermi a LCD e a LED, i salvaschermo hanno solo funzioni decorative e non consentono di risparmiare energia. Anzi, consumano più elettricità di quanta il computer ne userebbe normalmente.

4) Evita di stampare più volte un documento ancora in lavorazione, fai le modifiche sul video e stampa solo se è veramente necessario. Quando devi stampare un documento ancora in “bozza”, scegli le opzioni “economy”, “draft”, o “bozza”.

5) Ricorda di spegnere le luci quando esci da una stanza e illumina solo dove serve. Sulla scrivania usa le lampade da tavolo con braccio orientabile, consumano poco ed eviti zone d’ombra. Quando si rompe una lampadina, chiedi di sostituirla con una a LED, molto più efficienti delle altre.

6) Sali e scendi le scale a piedi anziché prendere l’ascensore. Ogni volta che non usiamo l’ascensore risparmiamo circa 0,05 kWh. In piedi da fermi consumiamo una chilocaloria al minuto, se camminiamo tra 2,5 e 3,5 e se saliamo le scale di chilocalorie al minuto ne consumiamo più di 5!

7) Riduci il tempo impiegato per fare la doccia. Con una doccia breve risparmierai l’energia che serve per riscaldare l’acqua, oltre naturalmente all’acqua. Ricorda che ogni minuto in più che passi sotto la doccia consumi circa 10 litri di acqua.

8) Se a casa o a scuola la temperatura non è confortevole, non aprire le finestre, ma chiedi di regolare la temperatura ambiente. Se spegni il climatizzatore che hai in camera almeno mezz’ora prima di uscire, ridurrai i consumi superflui e ti adatterai gradualmente alla temperatura esterna.

9) Per i tuoi spostamenti usa i mezzi pubblici o la bicicletta e quando puoi fai una salutare camminata. Chiedi ai genitori di organizzare un car pooling per trasportare più ragazzi che devono raggiungere la stessa meta. Considera che in media per ogni litro di benzina vengono rilasciati in atmosfera oltre 2,5 kg di CO2.

10) Non lasciare la porta del frigorifero aperta nell’attesa di decidere cosa prendere da mangiare o bere. Bastano 8 secondi per disperdere tutta l’aria fredda dell’interno.

Il Decalogo del consumo energetico intelligente (qui la versione completa del vademecum) fa parte di una guida didattica con materiali di approfondimento per aiutare insegnanti e ragazzi ad adottare comportamenti virtuosi:

– “Il Piccolo manuale di Intelligenza Energetica” è un percorso didattico destinato agli alunni del secondo ciclo della scuola primaria, che offre agli insegnanti l’opportunità promuovere un uso “intelligente” dell’energia che utilizziamo ogni giorno e di gettare le basi per la costruzione di una nuova cultura, più rispettosa dell’ambiente e più attenta alla riduzione degli sprechi.

– “Usa bene la tua energia” è un percorso didattico destinato agli alunni del quarto e quinto anno della scuola primaria di primo grado e agli studenti della scuola secondaria di primo grado, che offre agli insegnanti l’opportunità di trattare temi quali il risparmio e l’efficienza energetica in modo leggero e provocatorio. Il docente potrà mostrare le similitudini che esistono tra le soluzioni che il corpo umano adotta per usare al meglio la sua energia e le soluzioni tecnologiche e comportamentali che abbiamo a disposizione per ridurre i consumi e usare al meglio l’energia nelle nostre case.

– “Alcuni dati sui consumi energetici in Italia” è un prodotto editoriale che riassume graficamente l’andamento dei consumi energetici in Italia e, per confronto, negli altri Paesi europei. I dati sono tratti dal Rapporto annuale Efficienza Energetica 2017, un documento che ENEA pubblica ogni anno e che fa il punto sullo stato dell’efficienza energetica e sulle politiche e le misure messe in atto nel nostro Paese per razionalizzare l’utilizzo dell’energia. I dati riportati sono quelli disponibili a giugno 2017.

– “Misura i tuoi consumi” è un questionario per misurare come viene usata l’energia ovvero se si è spreconi o campioni di efficienza.

 

 

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *