Biodiversità

I cambiamenti climatici, la pressione demografica e gli incendi, secondo il Rapporto della FAO, metteranno a dura prova  lo stato delle foreste della regione, determinando effetti negativi sulle stesse condizioni di vita delle popolazioni.

state-of-mediterranean-forest-2013

La FAO ha pubblicato il primo Rapporto sullo Stato delle Foreste Mediterranee 2013 (SoFM), alla cui stesura hanno partecipato più di 20 istituzioni scientifiche e tecniche, organizzazioni non governative e vi hanno contribuito circa 50 autori coordinati dalla FAO e da Pan Bleu, il principale centro di sostegno della Commissione mediterranea per lo sviluppo sostenibile.

Leggi tutto...

Non essendo stata raggiunta la maggioranza richiesta degli Stati membri per la moratoria di alcuni neonicotinoidi, sarà la Commissione UE a procedere nella sua proposta.

Honey-bee-Pink-Peach-Flower

L’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA), con una nota stampa diffusa in data odierna, plaude alla decisione che la Commissione UE dovrà adottare nelle prossime settimane di vietare l’uso di tre insetticidi neonicotinoidi (clothianidin, imidacloprid e thiametoxam), sostanze chimiche che, usate per lo più per la concia delle sementi (pratica sviluppata da più di una decina d'anni, consistente nell'avvolgere il seme da piantare in una pellicola contenente una certa dose di fitofarmaco), costituiscono un “elevato rischio acuto” per le api, secondo i pareri rilasciati, su richiesta della Commissione UE stessa, dall’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) il 16 gennaio 2013.

Leggi tutto...

L’Università britannica di Leicester lancia di nuovo l’allarme: l'ecosistema del lago Naivasha in Kenya, dove vengono prodotte gran parte delle rose vendute per la festa degli innamorati, è in grave pericolo e rischia di scomparire.

Rose-San-Valentino---Lago-Naivasha

San Valentino è ormai alle porte, ma quest’anno prima di regalare una rosa pensiamoci due volte. L'allarme, di cui si parla da diverso tempo, è stato ribadito pochi giorni fa da David Harper, biologo dell'Università britannica di Leicester, che in un meeting con i principali distributori europei ha sottolineato come il lago Naivasha in Kenya (il suo nome deriva da una espressione che in lingua Maasai significa acque ondulate), oasi della biodiversità del paese africano, sia in grave pericolo e rischi di scomparire.

Causa di tutto questo le coltivazioni intensive dedicate alla floricoltura, e in particolare alle rose da taglio distribuite in tutto il mondo proprio per la festa degli innamorati, che occupano quasi completamente le sponde del bacino e che stanno seriamente minacciando l'ecosistema dell'area in questione.

Leggi tutto...

La crescita esponenziale delle coltivazioni nelle aree tropicali sta creando serie difficoltà al mantenimento della biovarietà.

crescita-esponenziale-delle-coltivazioni

Secondo un recente rapporto stilato da alcuni scienziati del United Nations Environment Programme (UNEP), l’aumento della quantità di terreno utilizzato per le colture agricole nei paesi tropicali rappresenta uno dei motivi principali responsabili della costante perdita di diversità biologica che rischia seriamente di minare gli obiettivi internazionali in tema di ambiente e sviluppo sostenibile.

Nella relazione, intitolata Crop Expansion and Conservation Priorities in Tropical Countries, viene evidenziato come circa 128 paesi delle zone tropicali altamente ricchi in biodiversità stiano convertendo quasi esclusivamente i propri territori in coltivazioni di riso e mais.

Leggi tutto...

Dal 10 al 14 dicembre a Maputo (Mozambico) si è svolto l’importante meeting dal tema: “La partnership per un sano Oceano Indiano Occidentale”.

nairobi convention portale

 

Si è conclusa ieri la 7ª Conferenza delle Parti (COP 7), ossia l'assemblea generale di tutti i Paesi firmatari della Convenzione di Nairobi dal titolo “La partnership per un sano Oceano Indiano Occidentale”. La Conferenza, organizzata da UNEP (United Nations Environment Programme) in stretta collaborazione con il Governo del Mozambico, l’Associazione dell’Oceano Indiano occidentale delle Scienze Marine (WIOMSA) e alcuni tra i principali partner del settore, aveva all’ordine del giorno l’obiettivo di esaminare lo stato di attuazione dei protocolli stabiliti dal trattato internazionale adottato nel 1992 a Nairobi nell’area in questione al fine di tutelare la diversità biologica, l'uso sostenibile delle sue componenti e la giusta ripartizione dei vantaggi derivanti dallo sfruttamento delle risorse genetiche attraverso un corretto accesso e un appropriato trasferimento delle tecnologie necessarie.

Leggi tutto...

logo pag verdi

Iscrizione newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter...
potrai ricevere aggiornamenti specifici
scegliendo le news più adatte a te.
Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com